Volontari europei targati Varese finalisti ad Anversa

C’è anche un progetto targato Varese tra i 35 finalisti individuati dalla Commissione Europea per partecipare ad una selezione che metterà sul podio i tre migliori progetti di Servizio Volontario Europeo

C’è anche un progetto targato Varese tra i 35 finalisti individuati dalla Commissione Europea per partecipare ad una selezione che metterà sul podio i tre migliori progetti di Servizio Volontario Europeo. Ad essere in corsa per la premiazione è un progetto Sve realizzato nel 2008 dal Cesvov che ha coinvolto tre volontarie provenienti da Spagna, Germania e Macedonia. Questo progetto è stato individuato prima dall’Agenzia nazionale per i Giovani, che lo ha segnalato a Bruxelles. Qui il progetto ha ricevuto l’ok per essere inserito nella lista dei 35 finalisti nella categoria “società innovativa”.

La premiazione finale – con la scelta dei 3 vincitori – avverrà durante la settimana Europea dei Giovani che si svolgerà ad Anversa dal 15 al 21 maggio prossimi e sarà il presidente Barroso a consegnare il riconoscimento durante la cerimonia finale. Il progetto prescelto è “a volunteer for other volunteers” che ha avuto come protagoniste tre giovani: Sofia (Spagna), Lara (Germania) e Natasha (Macedonia). Il progetto, essendo stato selezionato tra i finalisti, sarà inserito in una brochure di circa 40 pagine contenente dati e foto dei progetti: sarà inoltre allestita una esposizione mobile con 35 pannelli (con foto e testimonianze dei giovani) che sarà esposta durante l’evento di Anversa. Durante la loro permanenza in Italia le tre ragazze sono state coinvolte sia nelle attività del Centro di Servizi (nelle aree della comunicazione, della formazione e della promozione) sia nel supporto diretto all’interno di realtà di volontariato del territorio. Lara, Sofia e Natasha hanno anche sviluppato ciascuna un progetto personale che le ha viste impegnate nel mettere in gioco le competenze acquisite durante il loro Servizio Volontario Europeo.

La candidatura varesina rappresenta un riconoscimento importante per un impegno che dura da diversi anni e che vede il Centro di Servizi attivo sia nell’accoglienza che nell’invio di ragazzi in Servizio volontario Europeo. Il Cesvov, oltre ad ospitare giovani per progetti da realizzare attraverso le sue attività istituzionali, ha anche aiutato alcune associazioni del territorio a mettere in piedi dei progetti di accoglienza. Così ad esempio in questo momento all’Avis di Varese è arrivata da alcuni mesi Julie (dal Belgio), all’Sms Malnate c’è Mercedes dalla Spagna e infine all’associazione La Finestra stanno ospitando Nani (dalla Germania). “Una esperienza positiva e che consigliamo a tutti i ragazzi – dicono all’unisono le giovani – perché serve per crescere, conoscere, allargare i propri orizzonti”.
E sempre sul fronte dello Sve targato Varese, c’è da segnalare la nuova veste grafica del Blog (raggiungibile dal sito www.cesvov.it) dove si incontrano voci, riflessioni, pensieri di chi è arrivato e di chi è partito. Una sorta di diario di bordo dei ragazzi in giro per l’Europa il cui restyling è stato curato da Eva, la giovane “Sve” arrivata dal Belgio a Varese nell’ottobre scorso per restarci fino all’estate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.