Yamamay per sperare, MC-Carnaghi per chiudere

Ultima occasione di allungare la serie per le biancorosse, che si giocano il tutto per tutto dalle 20.30 in un PalaYamamay strapieno. Abbondanza: “Sarà un’altra battaglia”. E Bergamo va a gara 4

Dentro o fuori, adesso è proprio vero. La tensione tra Yamamay e MC-Carnaghi, già altissima all’inizio della serie, va aumentando esponenzialmente a mano a mano che ci si avvicina all’obiettivo; sabato sera in viale Gabardi era dipinta sui volti di tutti, dal primo dei tifosi all’ultima delle raccattapalle. Difficile prevedere cosa accadrà al PalaYamamay questa sera, quando a partire dalle 20.30 entrambe le squadre si giocheranno il tutto per tutto; di certo si registrerà ancora il tutto esaurito, anche se le biglietterie apriranno dalle 18.30 per mettere in vendita i pochissimi tagliandi rimasti. In campo, Busto non ha alternative: deve vincere ad ogni costo per proseguire nella serie. Ma immaginarsi per questo motivo una MC-Carnaghi più tranquilla o addirittura rilassata è pura utopia: Anzanello e compagne sanno bene che dovranno tentarle tutte per chiudere i conti a Busto, sia per guadagnarsi qualche giorno di riposo, sia per evitare quella che sarebbe a tutti gli effetti una “trasferta” al Forum per l’eventuale gara 5. “Chiudere oggi sarebbe bellissimo – dice Marcello Abbondanza – ci darebbe cinque giorni pieni per prepararci al meglio. Le gare come quella di sabato hanno un grandissimo impatto dal punto di vista fisico, le ragazze bruciano energie fisiche e nervose e gli impegni ravvicinati non ci consentono di proseguire con un’adeguata tabella di lavoro. Per raggiungere l’obiettivo, però, avremo bisogno di una prova maiuscola, senza i pericolosi cali di gioco visti sabato sera, perché so già che di fronte avremo un’avversaria tutt’altro che dimessa, impaurita o rinunciataria. Sarà un’altra grande battaglia”.

Dal punto di vista tattico, fino a questo momento, la semifinale scudetto ha dato solo un responso attendibile: Villa Cortese, non ottenendo risposte adeguate dall’attacco, può vincere la sfida solo a muro. Lo ha fatto in parte in gara 1 e in modo più netto in gara 3 (15 punti a 5 per le biancoblu), mentre nell’unica partita vinta da Busto il muro cortesino è completamente mancato all’appello. Di contro la Yamamay, che può contare su un attacco avversario decisamente prevedibile (61 i palloni affidati sabato sera ad Aguero) e su un’eccellente ricezione, non può permettersi di sprecare questo capitale e deve assolutamente chiedere di più al proprio muro, oltre che all’attacco al centro. Tutti discorsi buoni per il bar del giorno dopo, naturalmente: una volta sul taraflex, tutto si azzera e riuscire a sopravvivere ai colpi di scena è già un bel traguardo.
Intanto, per chiunque uscirà vincitore dall’infinito duello del derby, arriva almeno una piccola buona notizia: l’Asystel Novara, pur priva dell’infortunata Barun, è riuscita a vincere gara 3 in quattro set, riaprendo la serie con la Foppapedretti Bergamo. Lo Bianco e compagne restano in vantaggio 2-1, ma nel migliore dei casi avranno al massimo un giorno di riposo in più a disposizione rispetto a chi contenderà loro lo scudetto.
 
Yamamay Busto Arsizio-MC-Carnaghi Villa Cortese
Busto A.: 1 Carocci (L), 2 Havlickova, 4 Valeriano, 5 Kim, 7 Marcon, 8 Bauer, 9 Meijners, 10 Campanari, 13 Serena, 14 Crisanti, 16 Havelkova. All. Parisi.
Villa C.: 1 Anzanello, 4 Berg, 5 Lanzini, 7 Negrini, 8 Cruz, 10 Cardullo (L), 11 Hodge, 12 Aguero, 13 Calloni, 14 Bosetti, 17 Rondon, 18 Jontes. All. Abbondanza.
Arbitri: Fabrizio Padoan e Omero Satanassi.
 
IL PROGRAMMA
MC-Carnaghi Villa Cortese-Yamamay Busto Arsizio 3-2 (21-25, 25-16, 15-25, 26-24, 24-22); 0-3 (23-25, 21-25, 18-25); 3-2 (25-20, 25-17, 14-25, 13-25, 16-14) (a Busto); gara 4 lunedì 23/5 ore 20.30 (a Busto); eventuale gara 5 mercoledì 25/5 ore 20.30.
Norda Foppapedretti Bergamo-Asystel Novara 3-0 (25-22, 25-18, 25-21); 3-0 (25-17, 29-27, 25-12); 1-3 (23-25, 25-16, 19-25, 22-25) (a Novara); gara 4 martedì 24/5 ore 20.30 (a Novara); eventuale gara 5 giovedì 26/5 ore 20.30.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.