Blitz della Guardia di Finanza, scoperti 36 lavoratori in nero in 20 imprese

Le principali violazioni, tuttavia, sono state riscontrate nel settore della ristorazione e, in particolare, all’interno di un’impresa di catering che impiegava numerosi lavoratori “occasionali”

Contralli a tappeto contro il lavoro nero. Dal comando provinciale della guardia di finanza di Varese sono partiti una serie di ispezioni che hanno coinvolto aziende e società preliminarmente individuate sulla base di indagini nel settore.
In particolare le attività ispettive, con accesso nei locali aziendali, hanno riguardato 20 imprese, selezionate nell’ambito di un’ampia gamma di attività economiche, che hanno permesse di scoprire l’utilizzo di ben 36 lavoratori totalmente in nero e irregolari, di cui 6 di origine extracomunitaria.
Le aziende dove sono state rilevate violazioni vanno dalle 5 attività di ristorazione (di cui una da asporto), un albergo, una pasticceria, una lavanderia, un parrucchiere, una impresa edile ed una ditta di trasporti.
Le principali violazioni, tuttavia, sono state riscontrate nel settore della ristorazione e, in particolare, all’interno di un’impresa di catering che impiegava numerosi lavoratori “occasionali” i quali, in realtà, erano da considerare, a tutti gli effetti, lavoratori subordinati con conseguente violazione da parte del datore di lavoro delle norme sul loro impiego.
Dall’inizio dell’anno, nell’ambito della massiccia ed intensa attività al contrasto del “lavoro sommerso”, il Comando Provinciale di Varese ha complessivamente scoperto oltre 170 tra lavoratori irregolari e “in nero”, la maggior parte dei quali di origine extracomunitaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.