Bossi indica Canton, il candidato di Reguzzoni

Alla festa della Lega Nord il leader leghista dice di preferire il candidato antimaroniano Maurilio Canton come segretario provinciale. Che oggi si propone come pacificatore: "Non saròà un tagliagole, chi mi ha preceduto non sarà emarginato"

La partita all’interno della Lega Nord si complica. Ieri sera a Buguggiate (nella foto) Umberto Bossi ha parlato bene del candidato Maurilio Canton, ovvero l’uomo scelto dal capogruppo alla camera Marco Reguzzoni, riequilibrando di fatto la partita. Numeri alla mano, infatti, Canton avrebbe meno chance del gruppo maroniano ma se Bossi ci mette una parola è chiaro che le cose cambiano per tutti. In altre parole è una improvvisa investitura per Canton, il candidato del «Cerchio magico», come viene chiamato dagli avversari il gruppo di dirigenti che frequenta la casa della famiglia Bossi e che secondo alcuni ha una forte influenza sulle scelte del segretario federale. 
Bossi si è presentato a sorpresa alla festa della Lega Nord a Buguggiate intorno alle 23 e ha tenuto un discorso su governo e Padania, ma ha anche fatto un accenno al congresso provinciale che si terrà il prossimo 9 ottobre all’Ata hotel di Varese. Sul palco, il leader leghista ha detto letteralmente «spero che votiate Canton» complimentandosi con il sindaco di Cadrezzate, lodato anche per «la scuola quadri e i libretti».
 Oggi tra i maroniani (vincitori al congresso di Brescia) serpeggia nervosismo. Canton è invece più che soddisfatto: «Io sono un militante – osserva – e sono abituato a pensare che quando il mio capo dice una cosa bisogna seguirla. Sono contento, non lo nego, perché è arrivato un attestato di stima a uno che ha sempre fatto la sua parte come la stragrande maggioranza di militanti di Varese».
Ma a cosa si riferiva Bossi con l’accenno alla scuola quadri e ai libretti? «Ho tenuto io la scuola quadri del 2010 e ho fatto una dispensa di 250 pagine circa che serve a dare informazioni ai nuovi militanti e a chi vuole accostarsi alla Lega». Ha già presentato la sua candidatura? «Ho quasi completato la raccolta firme, ma comunque abbiamo tempo entro le 48 ore antecedenti al congresso, e quindi entro le 8 e mezzo o 9 di mattina di venerdì».
 
La riscossa del candidato di Reguzzoni (nella foto Canton) nasconde una svolta nella strategia interna. Canton oggi pronuncia parole che stupiranno alcuni. Il sindaco di Cadrezzate viene infatti soprannominato dai maroniani «il tagliagole», e dipinto come un uomo che dovrà fare piazza pulita della attuale segreteria provinciale. Ma ecco che lui adesso tende la mano e propone un patto alla corrente avversa: «Voglio far sapere a tutti questa cosa: io sono un pacificatore – afferma –  e di conseguenza intendo pensare questa cosa come uno dei messaggi importanti della futura segreteria provinciale. Non ci devono essere nemici – continua – Facciamo parte dello stesso movimento e abbiamo lo stesso obiettivo. Non sono il tagliagole, o il tagliateste, come mi chiamano alcuni. Chi sua questo termine lo vuole usare come strumento di attività politica, io sono il contrario. E’ un messaggio che va a tutti quelli del mio partito – afferma –  perché siamo tutti uomini di Bossi. Devo quindi riconoscere a chi ha gestito fino ad oggi la segreteria provinciale il merito di aver fatto fare passi avanti alla Lega Nord. Io li ritengo comunque delle risorse se se sarà eletto non ci sarà alcuna resa dei conti, collaboreremo insieme».
 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.