Cittiglio, prove di Coppa con la cronometro storica

Domenica 30 ottobre le campionesse di oggi si uniscono a quelle del passato per una gara speciale. Tra le iscritte la prima e l'ultima iridata italiana, Alessandra Cappellotto e Giorgia Bronzini

C’è già profumo di grande ciclismo sulle strade di Cittiglio, nonostante la stagione di corsa ufficiale sia terminata. Domenica 30 ottobre il paese di Alfredo Binda tornerà infatti ad abbracciare le campionesse di oggi e quelle del passato in occasione della cronometro a coppie in cui saranno affiancate un’atleta in attività e una ex. Formula che ha riscosso successo nelle edizioni passate, tanto che nel 2010 a salire sul podio è stata la nostra atleta di punta, Noemi Cantele, insieme a Patrizia Spadacini.
Cantele sarà una delle azzurre che anche in questa circostanza prenderà il via: con le diverse altre portacolori della Nazionale che negli ultimi anni ha dominato il Mondiale (quattro ori nelle ultime cinque edizioni). Così Giorgia Bronzini (a destra nella foto, con Florinda Parenti, al via della cronocoppie) porterà a Cittiglio la sua maglia iridata, la stessa che ha adornato le spalle di Tatiana Guderzo, anch’essa attesa in Valcuvia al pari di Longo Borghini, Ratto e altre ancora.
Proprio le azzurre saranno protagoniste del primo momento pubblico della giornata: alle 13 all’Hotel Cristallo arriverà anche il presidente federale Di Rocco per la cerimonia in onore della nazionale.
La corsa inizierà invece alle 14,30 e al via ci saranno diverse atlete che nel passato hanno fatto molto bene sulle strade italiane e internazionali. Dalle ex "ragazze sprint" Giuditta Longari a Floriana Parenti ad altre ancora, anche se il nome più roboante è senz’altro quello di Alessandra Cappellotto, la prima italiana a conquistare un Mondiale (1997, San Sebastian), l’unica fino all’epopea moderna segnata dalla squadra diretta da Dino Salvoldi.
«Sono molto soddisfatto delle adesioni che la cronocoppie ha ricevuto» spiega alla vigilia dell’appuntamento il patron della Cycling Sport Promotion, Mario Minervino. «Anche grazie alla Coppa del Mondo, Cittiglio è diventata centrale per quanto riguarda il movimento del ciclismo femminile e mi fa piacere che nelle nostre iniziative trovino spazio anche quelle atlete di un tempo che qui non saranno mai dimenticate. Anzi, sono ospiti graditissime sia in sella, come in questa occasione, sia nella serata di BiciMimosa che accompagna la festa della donna con un dibattito a loro dedicato».
La cronocoppie 2011 ha anche un intelligente riferimento alla storia del Trofeo Binda: l’arrivo infatti non è posto in via Valcuvia dove si trova il traguardo della Coppa del Mondo, bensì in via Roma, nei pressi del negozio di lampadari Badalin. Non è un caso perché proprio lì, a due passi dalla chiesa parrocchiale, era situato l’arrivo delle primissime edizioni della gara che allora si correva il Lunedì dell’Angelo. Un’altra bella iniziativa della Cycling Sport Promotion è stata la dedica di questa corsa, che ricorderà quattro figure "a tutto sport" come quelle di Luigi Orrigoni, Enrico Borri, Sandro Stocchetti, Carlo Curti, tutti ex presidenti del Panathlon Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.