Contro la nuova viabilità si ribellano anche i camionisti

Gli autotrasportatori di Cna e Asea insorgono contro l'ordinanza del primo ottobre “Aggravi di costi insostenibili. Vogliamo un incontro urgente con le parti interessate"

Viabilità di Bardello ancora nel mirino. Dopo le barricate alzate dal comitato di cittadini contrari alle scelte della giunta quidata da Paola Quintè e dopo le proteste dei sindaci dei Comuni limitrofi, anche gli autotrasportatori di Fita Cna Varese e Asea protestano. L’ordinanza del Comune di Bardello, in vigore dal 1 ottobre, che modifica la viabilità non piace ai camionisti, che lamentano aggravi di costi difficilmente sostenibili: «Data la presenza di importanti aziende nella zona e la conseguente necessità di transitarvi più volte al giorno, gli autotrasportatori sono oggi costretti a percorrere oltre 30 chilometri in più per ogni passaggio – spiegano le associazioni di trasportatori Fita Cna Varese e Asea -. Stiamo parlando di mezzi che percorrono 3 chilometri con un litro di gasolio e ai prezzi che il carburante ha raggiunto oggi i conti sono presto fatti! A questo si aggiungono i tempi di lavoro più lunghi e le conseguenti difficoltà organizzative». Le associazioni si sono da subito messe a disposizione per la ricerca di una soluzione. Col passare dei giorni il disagio delle imprese però aumenta e rende sempre più urgente che si concretizzi il tavolo di confronto prospettato dalla Prefettura.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.