Cresce la cultura della sicurezza tra gli apprendisti

Inail, camera di Commercio e Asl hanno sottoscritto un accordo per potenziare la sicurezza degli apprendisti. Corsi di formazione e percorsi specifici sono in corso da inizio 2010

I relatori del convegnoLo scorso anno, in provincia di Varese, l’Inail ha registrato 12.182 incidenti sul lavoro. Circa lo 0,8% in meno rispetto all’anno precedente. Il bilancio del 2010, però, fu più pesante rispetto agli incidenti mortali. ben 11 contro gli 8 del 2009.  Tra gli apprendisti, gli incidenti sono stati 248 contro i 270 dell’anno precedente (-8,1%).
« La nostra provincia conferma livelli di sicurezza in ambiente lavorativo molto elevati – ha commentato il Prefetto di Varese Giorgio Zanzi – nonostate altre province lombarde abbiano registrato contrazioni più importanti, questo territorio è ormai caratterizzato da anni da percentuali di incidente abbastanza contenuti, sintomo che la cultura della sicurezza e della prevenzione sono diffuse».

L’intervento è arrivato alla conclusione di un incontro in cui sono stati illustrate le politiche in tema di salvaguardia tra gli apprendisti e i dati del nuovo “Osservatorio Provinciale Infortuni”.
Inail Camera di Commercio e Asl hanno sottoscritto questa mattina alle Ville Ponti un accordo dedicato ai giovani apprendisti del nostro territorio con l’obiettivo di effettuare un’analisi del patrimonio informativo al fine di rendere più efficace e precisa l’attività di prevenzione. 
La sottoscrizione si colloca nell’ambito delle iniziative che vedono protagonisti i tre enti sul piano della sperimentazione e della formazione di azioni che riguardano apprendisti minorenni.

INAIL e Provincia, con la condivisione delle Parti Sociali, intendono fornire al sistema della formazione in apprendistato un supporto per rendere più efficace e più rispondente ai bisogni di aziende e lavoratori la formazione degli apprendisti, anche maggiorenni, sul tema della sicurezza sul lavoro. L’accordo mira ad ampliare la condivisione dei prossimi passi, coinvolgendo tutti i vari attori del sistema della formazione in apprendistato: le Parti Sociali, da sempre al nostro fianco nella scelta delle linee guida del sistema, ma anche ASL e Direzione Territoriale del Lavoro, coinvolti in questa partita con competenze specifiche.
In concreto, l’ accordo prevede la realizzazione di percorsi formativi sulla sicurezza, specifici per gli apprendisti. La progettazione è stata realizzata dagli enti di formazione, sotto la supervisione di un formatore di INAIL. Il modello di formazione messo a punto sarà sperimentato fino a marzo in circa 34 corsi: 8-10 corsi ogni mese (tranne dicembre) dislocati sul territorio provinciale e della durata di 8 ore ciascuno. Il calendario e la loro dislocazione territoriale sono già disponibili sul sito della Provincia di Varese digitando “Apprendistato Sicuro” . La convocazione e segnalazione alle aziende è estremamente veloce e snella e avviene attraverso l’invio di mail tramite il portale Sintesi.
La prima fase realizzata nel 2010 ha visto la definizione di un modello di corso che è stato sperimentato con un primo gruppo di enti specialisti nella formazione rivolta agli apprendisti minorenni: sono stati realizzati 10 corsi che hanno coinvolto 90 apprendisti.

La seconda fase realizzata nei primi mesi del 2011 è stata dedicata alla formazione formatori e alla ridefinizione del modello per gli apprendisti maggiorenni. Da settembre di quest’anno è iniziata la terza fase, con l’avvio effettivo delle attività formative rivolte agli apprendisti.

Tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre sono già stati realizzati 13 corsi che hanno coinvolto ben 160 apprendisti; da ieri è iniziata la realizzazione di un secondo gruppo di corsi che, entro l’inizio di novembre, porterà in aula almeno altri 150 apprendisti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.