Da Berlusconi nessun passo indietro, alla Camera il voto di fiducia

Dopo il discorso del premier di fronte ad un’aula di Montecitorio mezza vuota per la mancanza delle opposizioni che si sono rifiutate di presenziare, la Camera è chiamata oggi pronunciarsi sul voto di fiducia

È il giorno della fiducia. Dopo il discorso del premier di fronte ad un’aula di Montecitorio mezza vuota per la mancanza delle opposizioni che si sono rifiutate di presenziare, la Camera è chiamata oggi pronunciarsi sul voto di fiducia. Alle 11 sono previste le dichiarazioni di voto sulle comunicazioni del premier. Alle 12:30 inizierà la chiama per il voto. Il governo punta a quota 316 voti, soglia di sicurezza per attestare l’esistenza della maggioranza. Le opposizioni oggi sono invece in Aula compatte per il no.
Ieri Berlusconi ha ribadito l’intenzione di non voler fare passi indietro, e nel caso il governo non incassasse oggi la fiducia «l’unica alternativa sono le elezioni».
Alle 14 ci sarà invece il Consiglio dei Ministri, la Prestigiacomo ha annunciato che non voterà la legge di stabilità.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.