Domenica di festa per medici e neolaureati in medicina

In occasione della Giornata del Medico, Università e Ordine professionale festeggeranno i neo dottori e quelli di 50 anni fa

la messa al tempio di Duno un appuntamento fisso per la Giornata del MedicoIn occasione della “Giornata del Medico” si svolgerà a Varese la “Festa del Laureato in Medicina e Chirurgia”, un appuntamento promosso, domenica 16 ottobre, dall’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Varese e dall’Università degli Studi dell’Insubria. Presso l’Aula Magna dell’Università in via Ravasi 2 a Varese, la figura del medico, le radici ideali e scientifiche della sua professione, le nuove frontiere che si aprono, saranno al centro di alcune relazioni. L’incontro sarà anche occasione per un ideale passaggio di testimone tra diverse generazioni di camici bianchi. Saranno infatti consegnate una pergamena ai neo laureati e una medaglia ai medici con cinquant’anni di laurea.

 «Un momento importante per l’incontro tra chi svolge la nostra professione da tempo e coloro che vi si affacciano per la prima volta – spiega il dottor Roberto Stella, presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Varese -. E questo in un momento in cui le nuove sfide della medicina impongono a tutti la capacità e il coraggio di risposte nuove e consapevoli».
La Giornata del Medico inizierà nell’Aula Magna dell’Università dell’Insubria alle ore 9 con il saluto del Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, professor Francesco Pasquali, e del presidente dell’Ordine dei Medici, dottor Roberto Stella. Seguiranno alcuni contributi di riflessione: alle ore 9.20 “Riflessione sul vissuto di chirurgo” del commendatore professor Luigi Gatta; alle 9.40 “Le riforme degli studi in medicina che ho vissuto/subito” del professor Carlo Dell’Orbo. Seguirà la lettura del Giuramento di Ippocrate da parte del vincitore del “Premio Giovanni Ragnotti”.

A conclusione dell’incontro, il preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia ed il presidente dell’Ordine dei Medici consegneranno la pergamena ai neo laureati e la medaglia ai medici con 50 anni di laurea. L’inno “Gaudeamus igitur” intonato dal coro dell’Università degli Studi dell’Insubria concluderà l’evento.
Dopo l’appuntamento all’Insubria, la Giornata del Medico proseguirà a Duno, dove, alle 11.30, sarà celebrata una messa presso il Tempio votivo dei Medici d’Italia, realizzato nel 1938 grazie al contributo dei medici italiani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.