Estival Nights, tre serate di grande jazz

L'appuntamento è per mercoledì 26, venerdì 28 e sabato 29 ottobre con grandi della musica come Mario Biondi, Robert Glasper, Randy Crawford, Joe Sample

Se, tradizionalmente, è l’estate il periodo d’oro della musica dal vivo nella Svizzera italiana, da quest’anno anche l’autunno regala a Lugano straordinari momenti con i grandi nomi della scena internazionale grazie alle Estival Nights, evento promosso da Estival Jazz, dalla Città di Lugano e dalla Radiotelevisione svizzera (RSI) con il sostegno dello sponsor BancaStato e del media partner Corriere del Ticino, che per tre sere (mercoledì 26; venerdì 28 e sabato 29 ottobre) ricreerà in versione “indoor” la magia che da oltre trent’anni Estival Jazz propone sulle piazze sottocenerine, ossia concerti di altissima qualità proposti a condizioni straordinariamente vantaggiose.

Estival Nights che s’iniziano mercoledì 26 ottobre allo Studio 2 della RSI di Lugano- Besso dove, nell’ambito della stagione “Tra Jazz e Nuove Musiche” di RSI-Rete Due, si esibirà lo statunitense Robert Glasper, poliedrico musicista che si è fatto notare nei primi anni dello scorso decennio per una musica che al jazz accosta con gusto le influenze della moderna black music. Pianista dalla solida preparazione, noto sia in ambito jazzistico che pop (ha lavorato con artisti quali Bilal, Erykah Badu, Mos Def, Q- Tip, Common, Talib Kweli…) Glasper si propone sulla scena internazionale in “setting”
diversi e complementari: al tradizionale e classico piano jazz trio alterna infatti il gruppo Experiment, ensemble nel quale l’influenza dell’hip-hop è più marcata ed evidente. Ed è proprio con questo gruppo – composto oltre che da lui, dal dj Jahi Sundance e dal batterista Mark Colenburg – che si esibirà a Lugano in una serata che si annuncia di rara intensità.

Venerdì 28 e sabato 29 ottobre le Estival Nights si sposteranno poi al Palazzo dei Congressi. Venerdì 28 la serata verrà inaugurata dall’incredibile accoppiata Randy Crawford-Joe Sample che da anni percorre con successo i sentieri più delicati e raffinati del soul-jazz e proseguirà poi con gli Incognito, da trent’anni collettivo tra i più frizzanti e esplosivi della scena soul-funk nonché tra gli inventori del cosiddetto “acid jazz”: Incognito che tornano a Lugano sull’onda del successo mondiale ottennuto negli scorsi mesi dal Cd “Transatlantic RPM”, al quale hanno preso parte ospiti del calibro di Chaka Khan, Al McKay degli Earth Wind & Fire e Mario Biondi.
Sabato 29 sul palco delle Estival Nights salirà dapprima la Concert Big Band di George Gruntz, probabilmente la più importante big band del mondo, che celebrerà i suoi 40 anni di esistenza con, al suo interno, un “parco esecutori” di enorme talento (dai trombettisti Tanya Darby, Taylor Haskins, Joe Magnarelli e Jeff Stockham al fisarmonicista italiano Luciano Biondini; da Chris Hunter, Sal Giorgianni, Andy Scherrer, Larry Schneider, Gary Smulyan alle ance ad Arie Volinez al basso) affiancato da “guest” del calibro di Franco Ambrosetti alla tromba e al flicorno. Seguirà poi Mario Biondi, il crooner italiano dalla voce calda potente che si rifà, anche stilisticamente, a maestri del ”black sound” quali Lou Rawls, Isaac Hayes, Teddy Pendergrass e Barrry White, proponendo una riuscita ed elegante miscela di soul, di funky e di jazz. 

II biglietti per le due serate di Estival Nights al Palazzo dei Congressi di Lugano (venerdì 29 e sabato 30 ottobre, ore 20.30) sono già sin d’ora acquistabili nei punti vendita e sul sito di www.biglietteria.ch. I tagliandi d’ingresso per l’anteprima di mercoledì 26 ottobre (iniizio sempre alle 20.30) sono per contro disponibili da Alhambra Music a Lugano, Libreria Leggere a Chiasso, Music City Soldini a Locarno o direttamente presso la Rete Due della RSI allo 091 803 91.25.

Info: www.estivaleventi.ch;
www.rsi.ch/jazz
Email: info@estivaljazz.ch

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.