Fuggi fuggi, torna la corsa in carcere

La tradizionale competizione organizzata dalla Uisp all'interno del carcere di via per Cassano si terrà il prossimo 7 novembre

Lunedì 7 novembre alle 14 nella Casa Circondariale di Busto Arsizio i detenuti e alcuni atleti bustocchi saranno protagonisti di “Vivicittà 2011: Fuggi… fuggi!”, la corsa podistica a passo libero organizzata da Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti (Comitato Territoriale di Varese), in collaborazione con la Casa Circondariale di Busto Arsizio, l’associazione sportiva A.R.C Busto Arsizio e l’A.S.D Run & Travel.
La corsa si snoderà su un percorso di 5500 metri all’interno del perimetro della Casa Circondariale. Cinquanta detenuti e venti atleti di varie società sportive del territorio si sfideranno, avendo come unico scopo quello di portare a termine una gara più impegnativa di quanto possa apparire. Soprattutto per i detenuti, che hanno poche possibilità di allenarsi.

«Quella del 7 novembre vuole essere una giornata di festa con uno scopo che va oltre la pura competizione sportiva – racconta Alessandra Pessina, responsabile del Progetto Carcere per Uisp Varese – perché diventa un ponte che collega la vita all’interno e all’esterno del carcere. I detenuti possono esprimersi e presentare la loro realtà, che merita di essere guardata senza pregiudizi. Inoltre, nelle scorse edizioni della corsa i detenuti ci hanno raccontato che un’occasione come questa aiuta anche a migliorare i rapporti tra di loro».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.