I periti: “Riesumare la salma di Giuseppe Uva”

Secondo la consulenza disposta dal giudice al processo, i fermaci somministrati in ospedale non spiegherebbero da soli il decesso

I periti nominati dal tribunale di Varese, nell’ambito del processo sulla morte di Giuseppe Uva, hanno chiesto al giudice Orazio Muscato ancora 90 giorni di tempo per approfondire la perizia legale. In particolare chiedono di potere effettuare dei nuovi test sui resti dell’uomo (tra cui una tac), e dunque chiedono la riesumazione del cadavere. E’ quanto emerso venerdì mattina durante l’udienza del processo che vede, come unico imputato, un medico che nel 2008 era in servizio nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Varese, dove il 14 giugno di quell’anno morì l’artigiano varesino. Com’è noto, la parte civile ha chiesto da tempo nuove indagini per chiarire se la morte sia sopravvenuta anche a seguiti di quanto accaduto quella notte nella caserma dei carabinieri, ma nel frattempo il processo ha preso atto solo dell’ipotesi di una somministrazione incauta di un mix di sedativi che determinarono i problemi cardiaci e dunque la morte.
Il caso è stato affrontato ancora da Le Iene in un servizio mercoledì

La novità emersa durante la perizia è che gli esperti mettono in dubbio che la morte sia sopraggiunta a causa della somministrazione di farmaci, giudicati inidonei a causare il decesso per depressione del sistema nervoso centrale. L’accertamento genetico forense ha dimostrato inoltre la presenza di tracce di natura ematica sui pantaloni. Dunque, si necessita di un completamento degli accertamenti, per questo è stata chiesta una proroga di 90 giorni. Il giudice deciderà nell’udienza del 28 ottobre. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.