Ignazio Visco nuovo Governatore di Bankitalia

Trovato il nome del successore di Mario Draghi. Consiglio Superiore: "Scelta valida"

ignazio visco banca d'italiaÈ Ignazio Visco il nome che sarà proposto al Consiglio Superiore per la nomina a Governatore della Banca d’Italia.
Visco, napoletano, classe 1949, è sposato e ha tre figlie e attualmente ricopre l’incarico di membro del Direttorio di palazzo Koch.
«Una scelta valida». Così autorevoli fonti del Consiglio Superiore di Bankitalia commentano la designazione di Ignazio Visco a Governatore della Banca d’Italia. Fonti che precisano comunque che il Consiglio «non può esprimersi ufficialmente prima di aver visto la lettera del presidente del Consiglio».

IL PROFILO – Vice Direttore Generale dal 9 gennaio 2007. Dal 2004 Funzionario Generale della Banca d’Italia (prima come Direttore Centrale per le Attività Estere e dal marzo 2006 come Direttore Centrale per la Ricerca Economica). Presidente del Comitato Relazioni Internazionali del Sistema Europeo delle Banche Centrali – SEBC (2009-10). Membro del Comitato dei Supplenti del G-7, del Comitato dei Supplenti del G-20, del Comitato Economico e Finanziario della UE, del gruppo di lavoro n. 3 del Comitato di Politica Economica dell’OCSE; supplente nel Consiglio di amministrazione della BRI.

Nel 1971 si laurea in Economia e Commercio con il massimo dei voti e lode presso l’Università degli Studi di Roma "La Sapienza", discutendo la tesi Verifica della tesi dell’incorporamento dell’aumento dei prezzi nel tasso d’interesse (con il prof. F. Caffè).
Dal 1997 al 2002 è Chief Economist e Direttore dell’Economics Department dell’OCSE, nella cui veste sovrintende all’attività di analisi delle economie e delle politiche dei paesi industriali e ai progetti di ricerca sui principali problemi economici e finanziari mondiali. E’ anche membro di vari gruppi e comitati internazionali, tra i quali il Comitato dei Supplenti del G-10 (nel quale poi rappresenta la Banca d’Italia dal 2004 al 2006) e la Commission on Global Ageing del Center for Strategic and International Studies di Washington.

E’ autore di numerose pubblicazioni, e ha insegnato econometria (1983-85) e politica economica (1989) presso l’Università "La Sapienza" di Roma. E’ stato Associate Editor della European Economic Review (1986-91) e membro dei Comitati scientifici della Fondazione Enrico Mattei (1994-2001), delle Lezioni Raffaele Mattioli (1996-2004) e di "Monitoring Italy" per l’ISAE (2002-03). Attualmente è co-direttore della rivista Politica economica, membro del Gruppo consultivo per il settore economia della Società Editrice "Il Mulino", del Comitato consultivo della Scuola Normale Superiore di Pisa, del Comitato scientifico della Scuola Superiore di Economia (SSE) di Venezia e presidente del Consiglio scientifico dell’International Center for Monetary and Banking Studies di Ginevra.

E’ membro della Società Italiana degli Economisti, della Società Italiana di Statistica, dell’American Economic Association, del Consiglio italiano per le Scienze Sociali e dell’Associazione "Il Mulino". Ha ricevuto il Leontief Award for Best Dissertation in Quantitative Economics (Eastern Economic Association, 1982), il Premio "Best in Class", Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma "La Sapienza" (2006) e l’onorificenza di Grande Ufficiale al merito della Repubblica italiana (2007).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.