“Il barba” e “Marmellata”, capetti dello spaccio

Sono due ragazzi trentenni, marocchini, già in carcere per altri reati: secondo Pm e Polizia sono parte dell'organizzazione che gestiva il commercio di droga nei "boschi dello spaccio"

Nell’ambiente dello spaccio li chiamavano "il barba" e "marmellata". Ieri i due – già in carcere per altri reati – sono stati raggiunti da altre ordinanze cautelare per detenzione ai fini di spaccio: il 31enne marocchino Karim e il 29enne suo connazionale Aziz sono rispettivamente rinchiusi nelle celle di San Vittore a Milano e del carcere al102 di Via per Cassano, a Busto Arsizio.
L’ordinanza è stata emessa nell’ambito dell’attività investigativa che ha consentito di disarticolare i traffici di un gruppo di spacciatori maghrebini che agivano nella vasta area boschiva nella porzione meridionale della provincia varesina. Si tratta delle zone che sono divenuti famosi come "il bosco dello spaccio", dopo l’ormai noto servizio televisivo delle Iene (a cui si riferiscono le immagini).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.