Il Varese a Empoli per confermarsi corsaro

Seconda trasferta consecutiva per i biancorossi che domenica (ore 15) affrontano i toscani in difficoltà, tra infortuni e nuovo tecnico. Maran avverte: «Dobbiamo fare ancora meglio di Vicenza»

L’Empoli di domani può essere il Varese di ieri? La domanda è forse un po’ cervellotica ma la risposta è: «Speriamo di no». Per intenderci: il confronto di domani (domenica 9 ottobre, ore 15) mette di fronte al Varese di mister Maran una squadra – quella toscana – che è alla ricerca di un successo simile a quello ottenuto dai biancorossi a Vicenza. Allenatore nuovo, voglia e necessità di lasciare le parti basse della classifica, gli empolesi arrivano al match con gli uomini contati ma non per questo senza qualità individuale e di gruppo.

GUAI A SEDERSI – Maran lo sa bene e nella consueta rifinitura della vigilia mette in guardia i suoi ragazzi: «L’errore più grave che potremmo fare è quello di considerarci "arrivati" per aver vinto una partita. Invece dobbiamo ancora sudarci tutto e già a Empoli sarà necessario migliorare la prova di Vicenza: non ci basta eguagliare quello che abbiamo messo in campo. Solo così possiamo crescere e ottenere risultati». Il tecnico trentino (a destra nella foto con il vice Maraner) non nega che i tre punti colti in Veneto siano stati un ottimo carburante: «Vincere è importante, se poi lo fai con pieno merito e ti guadagni il successo sei ancora più contento e stimolato. Voglio anche dire però che dal mio arrivo io non ho trovato musi lunghi ma solo gente motivata con il giusto approccio al lavoro; se poi questo clima è contagioso anche fuori dallo spogliatoio tanto meglio per tutto l’ambiente».

NON SI CAMBIA – Al "Castellani" dovremmo vedere lo stesso Varese sceso in campo a Vicenza martedì sera. Maran non dice apertamente quale sarà l’undici di partenza ma nel suo «formazione molto vicina a quella dell’altra sera» si legge l’aperta volontà di non cambiare. Il che però vuole anche dire che a partita in corso ci sarà il certo subentro di Zecchin per uno degli esterni: «Zecco non è ancora al top ma è molto importante e si è visto in occasione del gol di Pucino. Parlerò con lui per adoperarlo al meglio» spiega l’allenatore che poi, a proposito dello stesso Pucino, ammette il piacere di lanciare i giovani in campionato: «Una cosa molto bella, che dà soddisfazione e di cui ti ricordi». D’altra parte, lui a Brescia ha dato spazio a un certo Hamsik e non può che andarne fiero.
Tornando alle formazioni, se il Varese ha tre soli assenti (Momenté, Terlizzi, Cazzola) l’Empoli ha invece una schiera di indisponibili a partire da Coralli, giocatore di rara importanza a questo livello. Il neo tecnico Pillon si affiderà così a un 4-4-2 di contenimento, attento anzitutto a difendersi e affidandosi al bomber Tavano per quanto concerne la fase d’attacco. In mediana anche l’ex varesino Moro su cui in Toscana si fa molto affidamento.

LO SPAURACCHIO – Quarantatre gol nel primo periodo empolese, 48 negli anni di Livorno, sette reti in otto partite quest’anno. Nel mezzo polvere di stelle tra Valencia e Roma. Francesco Tavano è nato a Caserta ma fin da giovane si è messo a vestire le casacche delle squadre toscane come se fosse un fantino del Palio di Siena: quella biancoazzurra dell’Empoli gli calza a pennello e contro il Varese il capocannoniere ha voglia di proseguire la propria serie vincente. «L’Empoli ha diverse assenze, ma davanti ha qualità perché ha Tavano e altri buoni giocatori da affiancargli» ha spiegato Maran, sottolineando la necessità di prendere accorgimenti contro le qualità di questo bomber di gran razza. 

Empoli – Varese (probabili formazioni)

Empoli (4-4-2): Pelagatti; Vinci, Tonelli, Stovini, Regini; Buscé, Valdifiori, Moro, Signorelli; Cesaretti, Tavano. All. Pillon.
Varese (4-4-2): Bressan; Cacciatore, Troest, Camisa, Grillo; Carrozza, Corti, Kurtic, Nadarevic; Neto Pereira, De Luca. All. Maran.
Arbitro: Palazzino di Ciampino (Italiani e Gava)

Serie BProgramma e classifica

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.