Ims, lavoratori a casa di Vasco

Nella serata di lunedì i rappresentanti sindacali sono andati direttamente a Zocca a casa del cantautore per chiedere un suo intervento: “Scriveremo anche a Vecchioni, Guccini, Cocciante, Ferro”

Non solo una lettera a Vasco, ma direttamente a casa sua, a Zocca, in provincia di Modena. I rappresentanti sindacali dei lavoratori della Ims di Caronno Pertusella, Antonio Ferrari ed  Eugenio Busellato, dopo aver scritto al cantanutore chiedendo un suo intervento, sono andati nel modenese per appendere striscioni fuori dalla causa del cantante per ribadire la richiesta di «un intervento da parte del cantautore emiliano a sostegno della vertenza IMS di Caronno Pertusella, dove 132  lavoratori e lavoratrici rischiano di perdere il posto di lavoro».

Ma altri artisti potrebbero essere chiamati in causa a sostegno della protesta dei lavoratori: «Chiediamo l’intervento di Vasco Rossi, in quanto lo stesso è stato già ospite dello stabilimento di Caronno Pertusella, dove si producono i cd dei suoi successi discografici – proseguono i sindacalisti -. Nei prossimi giorni chiederemo solidarietà, per i 132 lavoratori IMS, anche ad altri artisti quali: Vecchioni, Guccini, Cocciante, Tiziano Ferro e molti altri, che in questi anni hanno sempre pubblicato i loro successi con produzioni dell’IMS».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.