Inda, prove di occupazione

Dopo l'assemblea i lavoratori hanno sfilato negli uffici dei dirigenti e nei corridoi dell'azienda. Venerdì mattina i delegati di Fiom Cgil e Fim Cisl attesi in Provincia. «Per noi lavoratori è un'umiliazione».

«Pensavamo che l’azienda almeno alla fine  si comportasse diversamente. Per noi lavoratori questa situazione è umiliante». Umberto Bicelli, rappresentante sindacale della Inda di Caravate, ha appena terminato l’assemblea con i colleghi di lavoro. Un’ora e mezza di confronto e di «sconforto», sottolinea il sindacalista. «Non ci crediamo più – dice Bicelli – . I posti di lavoro salteranno, ma almeno sulla questione economica l’azienda poteva comportarsi diversamente. Quella che stiamo subendo, ripeto, è un’umiliazione». 
Nel frattempo gli operai hanno proclamato uno sciopero di mezzora, durante la quale hanno sfilato negli uffici dei dirigenti e nei corridoi della fabbrica, dove tuttora lavorano i dipendenti che dovranno trasferirsi a Vizzola Ticino (una delle due destinazioni, insieme a Pagazzano in provincia di Bergamo, per i lavoratori che non verranno licenziati o posti in cassa integrazione). «E’ stata una dimostrazione di quello che potremmo fare – conclude Bicelli- ovvero occupare la fabbrica. E non è escluso che lo faremo, se ci tratteniamo da procedere per questa via è solo perché non vogliamo far saltare il tavolo delle trattative».
Anche la Provincia di Varese si sta interessando alle vicende della Inda. I delegati sindacali, Giuseppe Marasco, della Fim-Cisl, e Francesca De Musso, della Fiom-Cgil, sono stati infatti convocati a Villa Recalcati dall’assessore Fagioli, per venerdì 28 ottobre, per fare il punto generale della situazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.