L’arte degli Angeli

Al centro studi per il Chiarismo in mostra le opere di Francesco De Rocchi e Mario Botta sul tema delle figure alate

Un artista di ieri e un architetto di oggi. Il Centro Studi sul Chiarismo Francesco De Rocchi presenta una interessante mostra che mette a confronto l’opera di De Rocchi con gli studi dell’architetto svizzero Mario Botta dal titolo “Angeli”. Curata da Elena Pontiggia la mostra comprende circa venti tra dipinti e disegni, che raccolgono tutti i principali lavori del maestro saronnese e del grande architetto svizzero su questo tema, su cui entrambi hanno profondamente riflettuto. Il percorso espositivo si apre con uno dei quadri in assoluto più lirici di De Rocchi: Figura del Concerto, 1931, esposto alla Biennale di Venezia del 1932. Qui la suggestione dei maestri senesi amati dall’artista si lega con la memoria degli angeli di Gaudenzio e del Luini, che conosceva fin dall’infanzia e aveva visto e studiato nel Santuario di Saronno.
L’’anatomia eterea e senza peso della Figura si ispira alla moglie dell’artista, Anna Maria. Seguono le tante Annunciazioni tra cui spicca la famosa Annunciazione fra le rovine del 1951, ambientata sullo sfondo di una Milano devastata dai bombardamenti. Il tema dell’angelo messaggero dell’Incarnazione è particolarmente caro a De Rocchi, perché è l’esempio di una rivelazione accolta in una scena familiare, senza clamori, nel silenzio. L’eternità irrompe senza gridi nella vita quotidiana, e la luce portata dall’angelo non è un raggio abbagliante, ma un chiarore intimo, spirituale.
Di Mario Botta sono esposti, tra l’altro, i principali disegni raccolti dall’artista nel volume La lingua degli angeli per principianti (con Dario Fertilio, Milano 2005), che si apre con una citazione di Ionesco: “Ci sono sorrisi di santi, angeli e arcangeli sui volti delle statue nelle cattedrali. E noi non sappiamo più guardarli”. Botta infonde nuova vita alle figure alate, spostandole dal loro contesto originale, classico, e collocandole negli spazi architettonici da lui progettati.
Domenica 13 novembre alle ore 17 Stefano Crespi terrà una relazione “Angeli:tra il qui e l’altrove”. La mostra, accompagnata da un testo critico di Elena Pontiggia, rimarrà aperta fino al 13 novembre 2011 ed è affiancata dai volumi monografici dedicati da Skira ai due artisti.
 
Francesco De Rocchi – Mario Botta. ANGELI
Centro Studi Sul Chiarismo Franceso De Rocchi Villa Gianetti
Via Roma 20, Saronno (Va)  
A cura di Elena Pontiggia
Inaugurazione Sabato 29 ottobre ore 17
30 Ottobre – 13 novembre 2011
Orario: Tutti i giorni 10 /12.30 – 15.30 /18.30
Info Ufficio Cultura Comune di Saronno 02 96710358
Incontro con Stefano Crespi domenica 13 novembre ore 17
Monografie Edizioni Skira

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.