La giunta ringiovanisce ma senza big bang

Il sindaco Migliarino annuncia che i due assessori anziani della giunta si faranno da parte a metà mandato per lasciare il posto a due giovani, così com'è accaduto per il capogruppo: "Non servono forzature ma buonsenso"

Non c’è bisogno di rottamatori ma di persone con esperienza che sappiano trasferire conoscenze ai giovani che dovranno sostituirli e farsi da parte quando è il momento. A questo principio si ispira Giuseppe Migliarino (al centro nella foto), sindaco di Gorla Minore eletto con una lista civica ma storicamente esponente del Pci-Pds-Ds-Pd, che già a partire dalla campagna elettorale l’aveva promesso: «A metà mandato i due assessori più anziani si faranno da parte per lasciare spazio a persone più giovani». Intanto è già avvenuto un passaggio del testimone significativo con Anna Pescatore che ha ceduto il ruolo di capogruppo ad Annalisa Buratti, 33enne laureata in matematica: «Sarà lei a esporre i pareri del gruppo di maggioranza all’intero consiglio comunale – spiega Migliarini che aggiunge – si stanno preparando anche le sostituzioni dell’assessore al bilancio Alberto Mari, al quale è stato già affiancato il futuro assessore, e alla cultura Daniele Mantegazza».

Migliarino della convention di Firenze alla Leopolda con Matteo Renzi a fare da mattatore non sa che farsene: «Credo che non ci sia bisogno di bing bang o di spallate per rinnovare la classe dirigente – spiega – se Renzi vorrà potrà fare questo utilizzando gli organi che il partito mette a disposizione. Poi se le sue idee dovessero divergere in maniera così netta può sempre fondare il suo partito». Migliarino è per i passaggi morbidi da una generazione all’altra seguendo un semplice ragionamento: «Non tutti i giovane sono il meglio così come non lo sono tutti i vecchi, quindi gli anziani migliori devono tramandare ai giovani migliori per poi lasciare il campo libero».

A Gorla Minore, con questo ragionamento, si sta preparando la nuova classe dirigente della lista civica che sostiene Migliarino: «Quando sarà il momento di eleggere la nuova amministrazione avremo un indiscutibile vantaggio con volti nuovi ma anche preparati». E’ forse questa la strada per il Pd?

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.