La zona pastorale di Varese in cifre

Monsignor Stucchi: "Progetteremo un’iniziativa sul modello del Fondo famiglia-lavoro della Diocesi»

luigi stucchi235 parrocchie, la metà delle quali ormai riunite nelle 29 comunità pastorali. Cinque comunità monastiche di clausura, una maschile a Dumenza e quattro femminili: al Sacro Monte e Agra le Romite, le Benedettine del SS. Sacramento a Gallarate e le Passioniste a Gornate Olona. Sono questi i numeri della la Zona pastorale di Varese, la più grande per estensione territoriale di quelle facenti parte della Diocesi di Milano.
Una Zona pastorale «tutt’altro che stanca – afferma il vicario episcopale, monsignor Luigi Stucchi sul sito incrocinews.it , l’organo informativo della Diocesi di Milano – » dove non manca l’attenzione al vissuto del territorio e alle fatiche delle famiglie.
«La nostra zona vede una presenza della Caritas molto capillare - ha affermato monsignor Stucchi , con una rete robusta in grado di intercettare i bisogni delle persone più deboli. Abbiamo il desiderio di progettare un’iniziativa sul modello del Fondo famiglia-lavoro della Diocesi. Mi propongo di coinvolgere in questo lavoro tutti coloro che hanno seguito bene in questi anni le commissioni decanali, dai volontari Caritas alle Acli. Un altro ambito importante di impegno è quello a favore dei profughi, sempre attraverso la rete Caritas mentre la nostra zona è ricca anche di iniziative concrete, realizzate nelle parrocchie, per venire incontro ai problemi abitativi dei più deboli: il prossimo 4 novembre ci sarà l’inaugurazione di Casa San Carlo, realizzata in collaborazione con la Fondazione San Carlo della Caritas, come centro di accoglienza per i senzatetto. Per quanto riguarda le famiglie, poi, in zona sono molto vivaci i gruppi familiari parrocchiali e abbiamo due importanti punti di riferimento nel consultorio di Varese Istituto La Casa e nel consultorio decanale di Gallarate. Esistono poi due “condomini solidali” e altre esperienze di comunità familiari, che sono molto interessanti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.