Lega in piazza:”sul bilancio un’amministrazione comunale piangina”

L’uscita del Carroccio albizzatese viene anticipata dalle parole del leghista Mirko Zorzo:"spiegheremo la situazione economica che abbiamo lasciato"

Tanta politica in questa domenica albizzatese, 23 ottobre. Parallelamente all’iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale con le visite guidate alla nuova sede del municipio, in piazza IV novembre la Lega Nord organizza un gazebo di informazione sui temi del bilancio.
L’uscita del Carroccio albizzatese viene anticipata dalle parole del leghista Mirko Zorzo che la inserisce nel quadro degli ultimi incontri pubblici: «con la ripresa dell’attività politica a settembre c’è stata a nostro parere una trasmissione di dati alla popolazione che hanno trasmesso un’immagine molto cupa della situazione economica del comune – ha spiegato Zorzo in riferimento, soprattutto, all’assemblea pubblica organizzata di recente dall’amministrazione comunale -. Adesso noi della Lega, che abbiamo amministrato prima dell’attuale giunta, vogliamo ridimensionare il quadro descritto e illustrare ai cittadini la realtà della situazione che abbiamo lasciato».
Per questo con il gazebo in piazza di domenica il partito intende dare nuove informazioni: «si tratta soprattutto di tre dati fondamentali – spiega Zorzo -: una prima questione riguarda il patrimonio comunale che, sotto la nostra guida, è raddoppiato. Secondariamente vogliamo affrontare la questione dei debiti, che negli ultimi dieci anni sono diminuiti del 18%». Infine, spiega Zorzo, «abbiamo lasciato il dato importante di 187mila euro di avanzo di bilancio e quindi una situazione economica con il segno più».
Tanto che nel volantino che verrà distribuito in piazza la Lega scrive:"Non preoccupatevi se la pioggia e’ stata scarsa… ci pensa la nuova amministrazione comunale “piangina” la quale piagnucolando sopperisce alle scarse precipitazioni piovose. Speriamo che non sia un’amministrazione che faccia solo “acqua”.

Tra gli argomenti “caldi” che vuole affrontare la Lega c’è anche quello del mutuo contratto a suo tempo per l’acquisto della ‘Ca Taverna, la nuova sede comunale. Si tratta di un mutuo complessivo di 3 milioni e 615mila euro che l’amministrazione targata Lega ha deciso di spalmare su 20 rate semestrali che pesano sui bilanci del comune per quasi 400mila euro l’anno. Una scelta criticata a suo tempo dalle minoranze perchè troppo oneroso e con rate spalmate su un tempo eccessivamente stretto.
«Quella decisone è stata presa in una situazione economica diversa da quella attuale – spiega Zorzo -, adesso la crisi e i tagli dello stato hanno cambiato le condizioni. Si tratta in ogni caso di resistere fino al 2015, quando per il comune si libereranno 400mila euro in più da spendere ogni anno. In ogni caso è normale che il cambiamento della situazione economica del nostro stato costringe le amministrazioni comunali a ridisegnare la propria pianificazione economica».
La Lega Nord affronterà anche i dati che riguardano le tasse degli albizzatesi in rapporto ai finanziamenti statali, «il comune di Albizzate spedisce a Roma circa 15 milioni di euro l’anno e ne ritornano solo 700mila sul territorio – spiega Zorzo -, questo deve far riflettere sulla situazione in cui ci troviamo ma confidiamo che l’entrata a regime del federalismo fiscale possa migliorarla».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.