“Lo stop fu imprevedibile, ma la soluzione è stata trovata”

I commenti di politici, commercianti e della stazione appaltante. L'assessore Cattaneo sullo stop di un anno fa: "Di fronte a un imprevisto non voluto, abbiamo preso in mano la situazione"

Quando il comune dovette annunciare il blocco del cantiere in viale Milano davanti ai fotografi c’era meno gente. Ma oggi per molti è festa perché il cantiere di viale Milano è finalmente terminato. Il sindaco Attilio Fontana quel giorno, quando il cantiere sembrò andare in malora, c’era, e promise che si sarebbe attivato con Ferrovie Nord per fare qualcosa. «Non è stata colpa di nessuno – dice oggi – era un evento che nessuno poteva prevedere ma devo dare atto a Ferrovie Nord di essere stata molto propositiva e di avere trovato in fretta una soluzione, il che ci ha permesso di rispettare i tempi».

L’assessore regionale ai trasporti Raffaele Cattaneo offre un aneddoto e cerca di dare un senso politico a quanto avvenuto in viale Milano: «E’ vero che ci sono stati dei problemi, ma sono andato a riguardare i miei appunti di un anno fa, allora dissi che avremmo aperto entro l’autunno di quest’anno e che avremmo cercato persino di farlo entro la fine dell’estate. Ora, l’estate finisce il 21 settembre e comunque l’autunno finisce il 21 dicembre, dunque ce l’abbiamo fatta. Ha funzionato è un modello lombardo di risolvere i problemi. Quando ci siamo trovati di fronte allo stop di una ditta, abbiamo preso in mano la situazione, abbiamo dimostrato che in Lombardia, di fronte ai problemi, si prendono in mano le cose e si contribuisce a trovare una soluzione ai problemi».

Cattaneo dà atto anche a Ferrovie nord di aver risolto il problema. «L’azienda si è assunta anche delle forti responsabilità per mandare avanti il cantiere e per questo ringrazio il presidente Malugani».

Carlo Malugani ha seguito i lavori in quanto presidente della società che ha concesso l’appalto, se l’è vista brutta un anno fa ma oggi ha concluso il suo lavoro ed è contento: «Grazie al sindaco, grazie all’assessore Cattaneo, grazie ai tecnici, grazie a tutti per la collaborazione», osserva.

E i commercianti? «L’importante è che i lavori siano terminati e i negozi abbiano la possibilità di tornare ad usufruire dei parcheggi e di un ambiente positivo – spiega il fiduciario di Ascom Marco Parravicini – quanto alla viabilità non se si sia meglio avere le auto in via Morosini o in viale Milano, hanno entrambe dei pro e dei contro». Il vicepresidente di Ascom Varese Antonio Besacchi è invece critico: «Sono tornate le code fino in viale Belforte e non va bene, chi entra in città ci mette ore, bisognerebbe pensare a una soluzione». Il vicesindaco Carlo Baroni avrebbe preferito rimanere con la viabilità delle scorse settimane: «Ma tutti mi sono saltati addosso», confessa. E aggiunge: «Era più veloce ma creava troppi problemi alla zona pedonale». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.