Morti celebri, Giovanni Paolo II il più rimpianto

I risultati parziali della domanda posta sulla pagina Facebook di Varesenews, vedono Papa Giovanni Paolo II battere tutti

La morte prematura di Steve Jobs ha fatto riflettere un po’ tutti. Per l’ondata di affetto che sta sommergendo la rete e per la forte emozione che colui che era in fondo semplicemente un imprenditore (e non un rocker o un artista) ha saputo suscitare.
Di fronte al movimento che la notizia ha causato in tutto il mondo, ci siamo resi conto che ognuno di noi aveva un ricordo diverso su quale morte aveva colpito di più i sentimenti personali. E ci siamo domandati quale tragica morte potesse avere colpito di più i nostri lettori, li avesse fatti soffrire come per la morte di una persona cara. Un gioco, certo, e una scusa per ricordare  momenti epocali per la nostra vita.

I risultati parziali della domanda posta sulla pagina Facebook di Varesenews, vedono Papa Giovanni Paolo II battere tutti: tra le morti che hanno colpito il cuore dei nostri lettori, quella del papa polacco ha raccolto 43 voti nel “sondaggio informale” che abbiamo lanciato, seguita a ruota dalla tragedia in diretta che ha portato via il pilota di formula uno Ayrton Senna (42 voti). Una strana coppia, le cui tragiche morti hanno di gran lunga superato l’emozione per l’incidente mortale di Lady Diana (25 voti) o l’autobomba che ha ucciso Giovanni Falcone (17 voti) e Paolo Borsellino (9 voti).

La notizia del giorno non ha influenzato le votazioni: Steve Jobs è il lutto più tragico "solo" per 12 lettori, mentre al di sotto di lui c’è il ciclista Marco Pantani e il cantante Freddie Mercury hanno emozionato 5 persone,  Il pilota Gilles Villeneuve, l’attore di Ghost Patrick Swayze e il cantante planetario Michael Jackson sono stati ricordati da 4 persone, il calciatore Gaetano Scirea e lo statista Aldo Moro sono stati ricordati 3 volte, un po’ più di Enrico Berlinguer che ha avuto 2 voti.

Gli altri sono menzioni, con un solo voto a testa: e mettono insieme il wrestler Eddie Guerrero con il rocker suicida Kurt Cobain, il padre del reggae Marvin Gaye e il leader dei clash Joe Strummer, la star europea del basket Drazen Petrovic, i registi Massimo Troisi e Akira Kurosawa e la leggenda del rock svizzero Steve Lee.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.