Pene pesanti per i rapinatori della ‘ndrangheta

Il capo, Antonio Esposito, dovrà scontare 12 anni e 10 mesi mentre per gli altri quattro pene dai 3 anni e 4 mesi a 5 anni

Sono stati tutti condannati a pene pesanti i rapinatori della ‘ndrangheta, il gruppo di malviventi che aveva messo a segno numerosi colpi negli uffici postali e bancari della zona sud del Varesotto collegati alla cosca malavitosa che operava nella zona tra Legnano e Lonate Pozzolo, alla quale versavano quota parte dei bottini. Il collegio presieduto dal giudice Toni Adet Novik ha inflitto 12 anni e 10 mesi ad Antonio Esposito, già condannato a 8 anni nell’ambito del processo Bad Boys per associazione a delinquere di stampo mafioso, 3 anni e 4 mesi per Stefano Giordano, anche lui già condannato nel processo alla locale di ‘ndrangheta, e 5 anni a Giovanni Donato. e ai fratelli Giovanni e Luciano De Felice, per i quali il pm aveva chiesto l’assoluzione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.