Quattro arresti per spaccio

Perquisite le case due fratelli. Fermati anche due giovani varesotti, un 38enne ed un 36enne, operai, trovati con addosso 3 dosi pronte allo spaccio di cocaina

I carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore, negli ultimi giorni hanno dato vita ad un’intensa attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio della compagnia. Sono state arrestate 4 persone per spaccio di sostanze stupefacenti.
A Cerro Maggiore, ieri sera, sono stati arrestati due fratelli legnanesi incensurati, M.P., 25enne, operaio e S.P., 34enne, elettricista. I carabinieri hanno effettuato un servizio di osservazione presso le due abitazione dei due fratelli, entrambe nello stesso condominio, nel centro di Cerro Maggiore. Appena hanno notato l’arrivo del primo dei due fratelli, si sono presentati e sono entrati in casa per una perquisizione. La perquisizione ha permesso di trovare, nella camera da letto, 2 piante di marijuana in fase di essiccazione, dell’altezza di circa 1 metro, un sacchetto di foglie di marijuana, due bottiglie di vetro con delle foglie di marijuana immerse nell’alcool, alcuni telefoni cellulari, 500 euro in contanti,
tutti in banconote di piccolo taglio e semi di marijuana contenuti in una scatola metallica. Nel frattempo è arrivato anche il fratello, S.P. e la perquisizione è stata estesa anche al suo appartamento, dove nel soggiorno si trovava una pianta di marijuana alta circa 1,60 cm, delle foglie secche, un bilancino di precisione e diversi barattoli contenenti circa 90 gr di marijuana, nel comodino in camera da letto circa 2.000 euro in banconote di diverso taglio, un altro barattolo contenente semi di marijuana e diversi telefoni cellulari, nel box vi era un’altra pianta di circa 1,25 cm, una lampada riflettente ed una stufetta elettrica, utili all’essiccamento delle piante. I due fratelli sono quindi stati arrestati e saranno processati con rito direttissimo presso la Procura di Milano.

Sempre i carabinieri di Cerro Maggiore, tra la zona della frazione Cantalupo e Origgio, in zona boschiva, stanotte hanno fermato e controllato, a bordo di un’auto che usciva in modo sospetto dalla zona boschiva, due giovani varesotti, un 38enne ed un 36enne, operai, trovati con addosso 3 dosi pronte allo spaccio di cocaina, diverse banconote per un totale di 250 euro circa e, all’interno dell’abitacolo dell’autovettura, sotto il sedile del passeggero, un sacchetto in cellophane contenente circa 60 gr. di hashish. I due sono stati arrestati e tradotti presso il carcere di Busto Arsizio.
I servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti stanno quindi proseguendo senza sosta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.