Raccolte le prime 300 firme per salvare la ceppella “ul Gesiöo”

Cominciata la petizione che proseguirà nei prossimi giorni nei negozi del paese, per "salvare la chiesetta dal passaggio della Pedemontana"

Domenica 16 ottobre a Rovello Porro si è svolta una raccolta di firme per la salvaguardia de “ul Gesiöo”, promossa dal Comitato degli Amici della stessa cappella. In poche ore sono state raccolte circa 300 firme.
La raccolta continuerà nei prossimi giorni presso alcuni esercizi commerciali di Rovello Porro e sarà coinvolta anche la popolazione dei paesi limitrofi. L’iniziativa fa seguito, dopo due settimane, alla cerimonia di inaugurazione del “Gesiöo” dopo il recente restauro, che ha visto un’ampia partecipazione di cittadini e di autorità. I firmatari richiedono alle autorità competenti che la modifica della viabilità connessa alla realizzazione della TRCO11 sia un’occasione per valorizzare la Cappella e non per limitarne l’accessibilità. Lo spostamento a est del tracciato, che porterebbe il Gesiöo ad affacciarsi su viabilità locale, costituirebbe la premessa migliore per la sua salvaguardardia.

Ma anche nel caso malaugurato del mantenimento del presente tracciato, sovrapposto alla Provinciale della Pioda, è necessario che siano studiate le soluzioni per garantire la salvaguardia della cappella, la sua accessibilità e fruibilità, secondo rigorose condizioni di sicurezza e di rispetto ambientale La cappella seicentesca nota come “ul Gesiöo” e situata sul lato sinistro della Strada Provinciale N. 31, per chi la percorre verso Rovellasca, costituisce uno dei segni meglio conservati della tradizione di devozione popolare che ha fatto sorgere, lungo i secoli, un gran numero di cappelle e di edicole sacre. tanto più dopo che la passione dei proprietari, con l’aiuto di alcuni artisti, ha portato alla sua ristrutturazione, arricchita da dipinti e sculture. Com’è noto, la strada sulla quale sorge la cappella sarà interessata da una profonda trasformazione per diventare una delle vie di accesso principali all’autostrada Pedemontana nota come TRCO11.


Il Cipe stesso, nell’approvarne il progetto, aveva raccomandato di verificare la possibilità di una salvaguardia di questo edificio. Purtroppo anche nei più recenti aggiornamenti del progetto della TRCO11 volti ad illustrare le soluzioni prospettate per l’attraversamento – peraltro molto problematico – del territorio di Rovello Porro, Non appaiono però soluzioni volte a garantire non solo la sua sopravvivenza ma anche l’accesso ed un’adeguata zona di rispetto attorno ad essa e questo non può che far sorgere gravi preoccupazioni. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.