Riaperto il sottopasso che collega Origgio e Uboldo

La strada era chiusa dal tre mesi per l'ampliamento dell'autostrada. La situazione ora non piace ad alcuni residenti: "Sono riprese anche le pericolose scorribande di alcuni automobilisti"

Riaperto il sottopasso austradale che collega Origgio a Uboldo, ma non tutti sono contenti. La strada era stata chiusa per permettere i lavori di ampliamento dell’austrada e del nuovo svincolo. Dal 7 ottobre la strada è tornata praticabile, gli automobilisti lo possono percorrere, per ora, in uscita da Origgio verso Uboldo, provenendo dalla lunga via Cavour.

«Sono riprese anche le pericolose scorribande di alcuni automobilisti (per la verità non pochi) che, a dispetto del limite di velocità di 40 Km/h che in questo tratto di strada ha più di una ragione di esistere e di essere rispettato, arrivano fino alla fine della sottovia ad almeno il doppio della velocità consentita e anche a più – racconta un residente -. Negli anni il pericolo di questi comportamenti scorretti è stato più volte segnalato, dagli abitanti di via Cavour, soprattutto da quelli residenti alla fine della strada, vicino all’ imbocco del sottopasso, all’Amministrazione Comunale».

«L’ Amministrazione Comunale non ha mai preso, al riguardo, alcun provvedimento, preferendo "controllare" il superamento dei limiti di velocità in altra zona del paese (Via per Lainate) dove la densità di popolazione e il relativo rischio sono minimi rispetto alla situazione precedentemente descritta – conclue il residente -: la via Cavour è via lunga e non particolarmente larga, con parecchi incroci di piccole strade, con visuale ridotta, con marciapiedi quasi impraticabili dal pedone (a maggior ragione da genitori con carrozzine) e con parecchi affacci dei cancelli pedonali delle residenze».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.