Serata di arte ed emozioni alla chiesa di Molina

Successo per l'iniziativa culturale che ha avuto come sfondo la chiesina appena restaurata. Pubblico attento ad ascoltare Leopardi e la musica dell'arpa

Venerdì 30 settembre la Chiesa di S. Ambrogio a Molina di Barasso ha aperto le sue porte per presentare i suoi affreschi alla conclusione dei lavori di restauro.
Quella che tempo fa era stata definita “un mucchio di sassi” si è rivelata l’ambientazione perfetta per una serata magica. Il mix di musica e poesia ha fatto vivere a tutti i presenti una serata eccezionale in una cornice suggestiva: il Prof. Giosuè Romano ha dato la sua colta e personale lettura dell’Infinito di Leopardi evidenziando il desiderio del poeta di “andare oltre” la sua condizione di uomo limitato dalla
scarsa prestanza fisica e da una educazione familiare repressiva, presentandoci un Leopardi che sapeva cosa vuol dire amare la vita. 
Le due giovanissime arpiste, Francesca Bonomi e Anna Aguzzi, dal curriculum personale di assoluto prestigio a livello internazionale, hanno incantato il numerosissimo pubblico presente con la loro abilità tecnica e sensibilità, sottolineando e amplificando la suggestione creata dalla bellezza della chiesina e dei suoi magnifici affreschi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.