Settimana della chiropratica, dal 24 al 29 ottobre

In tutta Italia si svolgerà la Settimana della Chiropratica, per fare il tagliando alla spina dorsale

Hai mal di schiena? Fai parte del grande esercito di italiani che ne soffre. “Secondo stime recenti se ne contano circa 15 milioni tra uomini e donne di tutte le età e persino adolescenti”, precisa John Williams, presidente dell’Associazione Italiana Chiropratici (AIC), “lombalgia (dolore nella parte bassa della schiena) e dorsalgia (dolore nella zona centrale della schiena) sono il motivo per cui nella maggior parte dei casi ci si rivolge a un dottore in chiropratica che, il più delle volte, rappresenta l’ultima spiaggia”.

Un check up eseguito almeno una volta ogni sei mesi dovrebbe diventare una buona abitudine come quello dal dentista, dal cardiologo, dall’oculista e dagli altri specialisti, perché, come recita un proverbio cinese.

Ed è proprio con questo obiettivo e per diffondere la conoscenza della chiropratica, delle sue tecniche e dell’utilità per mantenere una buona forma psicofisica senza ricorrere a farmaci che l’Associazione Italiana Chiropratici promuove dal 24 al 29 ottobre 2011 la Settimana della Chiropratica.  E un’opportunità per ricevere indicazioni personalizzate e materiale informativo. Dal 2008 è stata riconosciuta legalmente anche nel nostro Paese come professione sanitaria.

Per trovare lo studio chiropratico della propria città che aderisce all’iniziativa basta telefonare da lunedì a venerdì in orario 9-12 e 14,30-17,30 al numero verde AIC 800017806: si otterrà il recapito telefonico dove prenotare, già a partire dai primi di ottobre, il check up gratuito nei giorni dal 24 al 29 ottobre.

Per saperne di più www.chiropratica.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.