Sferruzzare a maglia per combattere la morte in culla

Appuntamento di tricotage il 5 novembre prossimo a Palazzo verbania. Si tratta della tappa della campagna di sensibilizzazione promossa da Happybimbo

Il prossimo 5 novembre dalle ore 11.00 alle ore 13.00 a Luino, a Palazzo Verbania, si svolgerà l’incontro: “Mamme e future mamme unite da un filo di lana”. Si tratta di un incontro di tricotage per mamme che aderisce alla campagna informativa sulla SIDS, promossa da Happybimbo con MAM Association.

“L’abbraccio della buona nanna”, in nome dell’iniziativa, prevede lavori collettivi di tricotage itineranti che, fino alla fine dell’anno, uniscono mamme e future mamme di tutta Italia, per lavorare a maglia la più grande coperta mai realizzata a mano.
Le mamme e le future mamme di Luino potranno dare il proprio contributo guidate dalla mano esperta di Giusy Marelli, la regina del lavoro a maglia. “Armate” di ferri e gomitoli, le mamme lavoreranno a maglia legaccio un quadrotto di lana che, cucito con gli altri, contribuirà a formare una coperta da guinness, la più grande mai realizzata, unica e inimitabile, perché fatta a mano, con amore, da tante madri, ambasciatrici dei piccoli gesti che aiutano a preservare la salute dei neonati e la loro nanna sicura. Durante l’evento presenzieranno anche la Dottoressa Luana Nosetti, Responsabile centro Sids Ospedale di Circolo Fondazione Macchi di Varese e Katiuscia De Leonibus, membro dell’associazione Semi per la Sids.

Anche da casa è possibile dare il proprio contributo. Dallo scorso giugno, infatti, happybimbo sta distribuendo gratuitamente, attraverso le farmacie e gli ospedali che aderiscono 10mila kit con gomitolo, ferri, spiegazione, busta preaffrancata (per inviare il proprio quadrotto di lana una volta pronto) e volantino di informazione sulla SIDS e sulle raccomandazioni internazionali della nanna sicura. E dal 2012 la maxi coperta verrà esposta nei principali ospedali italiani che aderiscono all’iniziativa.
Le offerte che i visitatori vorranno lasciare, andranno a finanziare la ricerca medica di questi ospedali impegnati nella lotta alla morte in culla.
Venerdì 11 novembre 2011 si terrà a Luino il congresso internazionale sulla sids “Insieme per la vita” a cui parteciperanno i maggiori esperti nazionali del settore: durante i lavori, i genitori potranno continuare a dare il loro contributo al progetto.

Cos’è la SIDS? Meglio conosciuta come la morte improvvisa del lattante, la SIDS colpisce sia maschi che femmine, di giorno e di notte, tipicamente durante il sonno, nel primo anno di vita, con un picco di incidenza tra i due e i quattro mesi. I più colpiti sono i maschi, che rappresentano circa il 60% dei bambini che muore di SIDS.

Oggi, in Europa, la SIDS colpisce con una percentuale compresa tra lo 0,5 e l’1 nati per mille. Nelle regioni italiane, come la Toscana e la Lombardia, e, in generale nei Paesi dove l’informazione è stata opportunamente divulgata dalle istituzioni, la media è scesa allo 0,3 per mille. Prevenire quindi si può ma serve più informazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.