Tunnel sotto Moriggia? Duecento persone all’assemblea

Il collegamento ferroviario sotterraneo è previsto dal PGT approvato sette mesi fa. Notevole mobilitazione dei residenti. Il Comune: "Cerchiamo di muoverci insieme"

L’ipotesi di una galleria ferroviaria sotto Moriggia preoccupa i residenti: oltre duecento persone si sono presentate all’incontro dedicato al tema, organizzato dai cittadini dell zona. La previsione di un tunnel è contenuta nel Piano di Governo del Territorio attualmente in vigore, approvato nel marzo scorso: la galleria sarebbe parte del tracciato ferroviario che dalla linea da Varese conduce verso Malpensa, passando per i boschi di Casorate Sempione e "inserendosi" da Nord nello scalo aeroportuale. Il tunnel, nello specifico, serve a superare prima la collina del Mombello di Moriggia e poi a sottopassare ferrovia e statale del Sempione.

Di fronte ai cittadini riuniti nel salone del centro parrocchiale, il sindaco Edoardo Guenzani, dagli assessori all’urbanistica Angelo Senaldi e l’assessore alla partecipazione Cinzia Colombo hanno raccolto segnalazioni e preoccupazioni, ma anche proposte operative. Anche uno dei responsabili del PdL gallaratese, l’ex presidente del consiglio comunale Donato Lozito, ha spinto per organizzare l’incontro a Moriggia. 
L’assessore Senaldi ha illustrato i documenti previsti dal Pgt (approvato sette mesi fa) e ha spiegato il percorso di revisione previsto per modificare il Piano che indica le previsioni di crescita della città, in vari ambiti (edilizia, viabilità, altre infrastrutture). «Alla preoccupazione di alcune famiglie coinvolte direttamente (che non potrebbero costruire neppure un nuovo box per l’auto), si è aggiunta la preoccupazione più generale sul tipo d’intervento e sulle conseguenze in futuro» spiega Cinzia Colombo. «Si è fatto notare che l’opera non è certo una priorità attuale, ma è emerso chiaramente che per molti la preoccupazione non si esaurisce oggi». Puntuali anche le osservazioni di natura giuridica da parte dei cittadini (sul fatto che l’opera, prevista dalla Regione Lombardia e dal gestore della rete ferroviaria RFI, sia stata inserita nel Pgt) e i riferimenti ad opere simili, ad esempio rispetto ai problemi emersi in Valceresio per l’Arcisate-Stabio.

Da parte dei residenti è emersa anche l’intenzione di costituirsi in Comitato, oltre che a presentare osservazioni specifiche sul Pgt. «Come amministrazione comunale – fa invece notare l’assessore Cinzia Colombo – intendiamo da un lato confrontarci con altre amministrazioni, come Casorate Sempione, come già si è fatto per le osservazioni al Master Plan di Malpensa. Dall’altro cercheremo di presentarci con una posizione che metta d’accordo tutte le istituzioni gallaratesi. È auspicabile che ci sia una convergenza con il centrodestra».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.