Un film sul Sacro Monte a Cerveno

L'iniziativa in programma Sabato 15 ottobre a Varese Ore 18.00-Sala Montanari (ex Rivoli)

Dopo il "Pianto della statua" ed il "Gran Teatro Montano del Sacro Monte di Varallo", (quest’ultimo proposto dalla nostra Associazione a Varese nel mese di Novembre 2010), il Professor Giovanni Reale presenta il terzo episodio della trilogia cinematografica, curata da Elisabetta Sgarbi, sulle sculture sacre. L’iniziativa in programma Sabato 15 ottobre a Varese Ore 18.00-Sala Montanari (ex Rivoli)-Via Bersaglieri, 3 angolo Via Speroni.
Questa Opera ci porta al SACRO MONTE DEL SANTUARIO DELLA VIA CRUCIS a Cerveno (Brescia) nel cuore del ‘700, in Valle Camonica, dove il Parroco Gualeni commissionò all’artista di
Fresine 14 cappelle di statue lignee di stucco sul Calvario di Cristo.
Ancora una volta, in questo terzo episodio, si segue la via indicata da Giovanni Testori, tra i primi, se non il
primo, ad entrare nel misterioso mondo dell’artista della Valsaviore ed a interpretare il paradosso di questo
grande capolavoro della scultura italiana, la Via Crucis, improvvisamente abbandonato e completato poi dai Fratelli Fantoni.
Il lungometraggio restituisce, per la prima volta, la pienezza della “Scala Santa” della Via Crucis, come
doveva essere nell’originario progetto di Simoni. Esso, infatti, fa vedere tutta la siderale distanza tra i
manufatti di Simoni, drammatici, tragici, rivoluzionari, dirompenti e quelli di Fantoni, sempre depotenziati
nelle forme del grottesco.
La Sgarbi regista si propone come creatrice di un genere filmico originale. Una sorta di riscrittura visiva
delle opere d’arte. Esercizi di stile che saldano puntualità documentaristica e forza lirica.
Regia, soggetto, sceneggiatura: Elisabetta Sgarbi; Cast: Toni Servillo; Musiche: Franco Battiato;
Fotografia: Daniele Baldacci; Scenografia: Luca Volpatti; Montaggio: L. Marenzoni e R.Sgalambro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.