A passeggio per il parco, per ammirare le sculture di Caravati

Domenica 15 aprile, proposta delle Guardie Ecologiche volontarie del parco del Campo dei Fiori. Lungo i sentieri si possono ammirare molte opere del celebre scalpellino

Dopo la scoperta del Rio Tinella, nuovo appuntamento per gli appassionati di verde e montagna a Luvinate, alla ricerca delle tante sculture realizzate, lungo i sentieri del Campo dei Fiori, da Edoardo Caravati, “Ur matt d’ur pian da Cruz”.
 
Questo è il programma promosso dalle GEV Guardie Ecologiche Volontarie per domenica 15 aprile 2012, con partenza alle ore 9.00, dalla Piazza Don Luigi Sironi di Luvinate.
 
Durante la mattinata, fra i bellissimi boschi che da Luvinate portano alla cima della montagna, si andrà alla scoperta delle tante piccole opere d’arte che, ad inizio novecento, il celebre scalpellino realizzò qua e là, interpretando i sentieri di solito seguiti dai boscaioli o dalla gente che andava in cerca di legna per scaldarsi, come luoghi di cultura e di preghiera.
 
Il Caravati infatti (1866-1930), fu impegnato come edile nei cantieri della funicolare e dell’Albergo del Campo dei Fiori; e da lì, forse anche ispirato dalla religiosità del Sacro Monte, iniziò il suo hobby, che lo portò a scalpellare qualunque tipo di roccia. Nei boschi del Campo dei Fiori ha lasciato molte delle sue testimonianze più significative come il Mondito, la Madonna acefala, ur Signur da sass, e il Crocifisso con Tre Marie.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.