Adaptive rowing: Gavirate chiama Londra

Regata internazionale paralimpica sul lago tra venerdì e domenica con equipaggi da 17 diversi Paesi. Gli azzurri preparano la Coppa del Mondo di Belgrado dove cercheranno il pass per le Paralimpiadi

Nella mattinata di oggi, martedì 24 aprile, la sala trofei di Villa Recalcati ha ospitato la presentazione della sesta regata internazionale di adaptive rowing (canottaggio paralimpico), organizzata dalla Canottieri Gavirate. La manifestazione si terrà da venerdì 27 a domenica 29 aprile con 17 nazioni partecipanti per un totale di 40 imbarcazioni al via e 8 ore di gare sulla distanza dei 1000 metri. Tra i protagonisti ci saranno gli atleti della nazionale italiana (presente al completo in Villa Recalcati) che sosterranno un prezioso allenamento in vista della Coppa del Mondo di Belgrado (dal 4 al 6 maggio), ultima tappa di qualificazione per le Paralimpiadi di Londra. A Gavirate, a cornice delle regate adaptive, ci saranno anche la gara internazionale Master e la gara regionale per le categorie Allievi e Cadetti.

L’ennesimo importante evento di canottaggio ospitato dalla provincia varesina è motivo d’orgoglio per l’assessore allo Sport provinciale Giuseppe De Bernardi Martignoni: «Il canottaggio ha ormai un ruolo importantissimo nel nostro territorio e il ringraziamento va a chi per passione e per impegno rende possibile tutto ciò: la federazione, il Coni, le società sportive della provincia».
Un evento di fronte al quale «La Federazione gongola di soddisfazione – racconta il consigliere nazionale Giovanni Marchettini – eventi come questo esaltano il canottaggio: la speranza è che negli anni questo appuntamento possa diventare una “Coppa del Mondo dell’Adaptive”. In questa provincia il canottaggio è uno sport più che maggiore: per questo basti ricordare che quest’anno saranno qui ospitate più di 25 gare, di cui una decina a livello nazionale o internazionale». La manifestazione è di grande importanza e richiede un importante lavoro a livello organizzativo: «Voglio far notare un dato – dice Pierumberto Perucchini, presidente della Canottieri Gavirate – la presenza di 110 volontari, di fatto l’1% della popolazione gaviratese. Anticipo poi che, nella settimana successiva a questo evento, inizierà l’ampliamento della sede e del campo di gara per le regate adaptive».
«A Gavirate ci troviamo molto bene – racconta Silvia De Maria, atleta della nazionale paralimpica già qualificata per Londra 2012 nel doppio insieme a Daniele Stefanoni – questo centro adaptive è assolutamente accessibile, comodo per tutti i quanti. Nel week-end ci saranno qui tutti i migliori canottieri adaptive: siamo uniti e vogliamo andare a Londra tutti insieme». A confermare in chiusura le parole dell’atleta azzurra c’è il commissario tecnico Paola Grizzetti: «Abbiamo grandi obiettivi: il gruppo paralimpico è sempre più unito e in questa regata vogliamo dimostrare a tutti la nostra forza; siamo pronti a lottare per arrivare alla paralimpiadi, i nostri avversari devono stare attenti».
 
Il programma completo
Venerdì 27 aprile – ore 17: inizio manifestazione; ore 18: inizio batterie Adaptive; ore 19.30: termine batterie Adaptive.
Sabato 28 aprile – ore 9: inizio finali Adaptive; ore 11: termine finali Adaptive; ore 12: pausa pranzo; ore 16: inizio batterie adaptive e masters; ore 18.30: termine batterie adaptive e masters; ore 19: premiazioni adaptive e masters.
 
Domenica 29 aprile – ore 9: inizio finali adaptive; ore 11.30: termine finali adaptive; ore 12: pausa pranzo; ore 13: premiazioni adaptive; ore 14: inizio regata regionale allievi e cadetti; ore 19: termine manifestazione.
 
Nazioni partecipanti: Italia, Irlanda, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Germania, Polonia, Olanda, Canada, Cina, Brasile, Portogallo, Russia, Australia, Ungheria, Ucraina, Israele.

Facebook – Diventa amico di Sport VareseNews

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.