Alla Pro non riesce il sorpasso playoff

Tigrotti fermati sull'1-1 ad Alessandria (Nossa in rete dopo il vantaggio piemontese). L'Entella rimane davanti un punto: ora bisogna battere il Mantova e sperare

Pareggio con una pizzico di rammarico per la Pro Patria che ad Alessandria pareggia 1-1 e perde un’occasione importante in chiave playoff. La qualificazione agli spareggi si deciderà nell’ultimo turno, domenica prossima, quando allo “Speroni” arriverà il Mantova: i tigrotti dovranno battere i virgiliani e sperare in un passo falso dell’Entella (ko oggi a Treviso). Un peccato, perché la Pro del “Moccagatta” avrebbe meritato di più, visto che il migliore tra i padroni di casa è stato il portiere Servili decisivo in più occasioni. Il fortino grigio ha però retto nella ripresa e per i ragazzi di Cusatis l’unica soddisfazione è stata quella di acciuffare il pareggio con gol di Nossa.

CALCIO D’INIZIO – Ultima stagionale per l’Alessandria sul terreno amico del “Moccagatta”: i grigi già salvi presentano ben quattro ex, tre dei quali (Negrini, Marchetti e Nocciola) nell’undici titolare, con Artico pronto a subentrare. Non c’è Polverini tra i biancoblu, sostituito da Botturi a causa di un problema fisico. Attacco affidato alla collaudata coppia Serafini-Cozzolino, con Giannone libero di creare alle loro spalle.

IL PRIMO TEMPO – Prima frazione indigesta per la squadra di mister Cusatis, che prova a fare la partita senza troppo incidere e si ritrova sotto nel punteggio a causa di quello che è l’unico vero tiro in porta dei piemontesi. Il marcatore è Nassi al 21′, lesto a girare in porta di sinistro un assist di Marchetti, anche se nell’occasione è un “buco” netto di Bonfanti a favorire l’azione dell’Alessandria. I primi 20′ non sono stati ricchi di emozioni, ma comunque le due squadre avevano provato a mettere in difficoltà la rivale. L’occasione più netta è stata per la Pro grazie a Bruccini (all’11’) che ha sganciato una “bomba” finita vicino all’incrocio dei pali della porta di Servili; prima di quest’azione però ci sono stati i tentativi dei grigi con un tiro-cross di Negrini, abbassatosi a sfiorare la traversa, e una punizione di Santoni respinta dalla barriera. La Pro si conferma pericolosa in contropiede al 16′ quando Mora ruba palla intercettando un passaggio tra Cammaroto e Negrini, riparte e serve Serafini il cui diagonale finisce di poco sul fondo. Sembra un buon momento per i tigrotti ma è il preludio del vantaggio per l’Alessandria che, come abbiamo detto, approfitta di un intervento in ritardo di Bonfanti e con la coppia Marchetti-Nassi confeziona il vantaggio. Per Cusatis piove sul bagnato: alla mezz’ora Gambaretti non al meglio deve arrendersi al dolore agli adduttori e lascia il posto ad Artaria. Il tecnico biancoblu deve così arretrare Mora ma la Pro non si scoraggia e in un paio di occasioni si fa vedere: prima Giannone ci prova dal limite ma non trova la porta, poi Cozzolino spreca una bella avanzata di Mora, tirando debolmente in bocca a Servili al posto di cercare compagni meglio piazzati.

LA RIPRESA – Se la prima parte aveva visto un’alternanza di occasioni tra le due squadre, la seconda metà di gara è quasi tutta tinta di biancoblu e lo si capisce subito. Al 3′ infatti la Pro Patria pareggia dopo aver conquistato un corner sull’asse Serafini-Bruccini; a mettere in rete è questa volta Nossa, implacabile da vicino e autore dell’1-1. La Pro prende il giusto coraggio e l’Alessandria riesce a farsi vedere solo in occasione di due punizioni, per altro pericolose. A tirarle i due attaccanti, Fanucchi (al 9′) e Nassi (al 14′) e in entrambe le circostanze Andreoletti è bravo a respingere, con tanto di parata anche sulla ribattuta di Nocciola sul secondo calcio piazzato. Dopo la metà della ripresa la Pro, più di cuore che di tecnica, prova ad assediare l’area dei piemontesi: Servili risponde a un tentativo da fuori di Bonfanti e poi ringrazia il cielo sulla conclusione del neoentrato Comi che ci prova da lontano e scheggia il palo. Poco dopo però è ancora bravo il portiere grigio, che dice di no a un tentativo di Mora. Una delle ultime mosse di Cusatis è l’ingresso di Capogna per Giannone ed il neo-entrato si vede subito ma non riesce a colpire il pallone da buona posizione. Lo stesso Capogna ci riprova allo scadere del 45′, rubando palla e scaricando un tiro in direzione di Servili, anche questa volta pronto all’appuntamento. Il triplice fischio lascia come detto un pizzico d’amaro in bocca a una Pro comunque volenterosa. Che proverà a giocare l’ultima carta rimasta contro il Mantova: non si sa mai.

Alessandria – Pro Patria 1-1 (1-0)

Marcatori: Nassi (A) al 21′ pt; Nossa (P) al 3′ st.

Alessandria (4-4-2): Servili; Marchetti, Cammaroto (Patacchiola dall’8′ st), Cusaro, Negrini; Santoni, Roselli, Nocciola (Menassi dal 33′ st), Giardina; Nassi, Fanucchi (Artico dal 19′ st). All.: Sonzogni. A disp.: De Marco, Dal Brocco, Motta, Monac.
Pro Patria (4-3-1-2): Andreoletti; Bonfanti, Nossa, Botturi, Gambaretti (Artaria dal 31′ pt); Viviani, Vignali, Mora; Giannone (Capogna dal 34′ st); Serafini, Cozzolino (Comi dal 21′ st). All.: Cusatis. A disp.: Frasca, Rudi, Caterisano, Iuliano. Arbitro: Intagliata (Ponzeveroni – Cinquemani).
Note. Ammoniti: Vignali, Botturi, Negrini, Servili, Roselli, Giardina. Spettatori: 1.030.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.