Anche a Varese è l’ora di Vivicittà

La camminata si svolge domenica 15 in contemporanea in una quarantina di località italiane. Due le possibilità: non competitiva e agonistica, partenza e arrivo alla scuola "Pellico"

Tutti a piedi, possibilmente di corsa, per una mattinata che unisce lo sport all’aperto e la scoperta della città. Questa la filososfia di base proposta da "Vivicittà", manifestazione podistica che si disputerà domenica 15 aprile in ben 38 località copresa naturalmente Varese, dove assume anche un simpatico secondo nome: la "Marcia del Pellicano". Questo perché accanto alla Uisp (Unione Italiana Sport per Tutti) nell’organizzazione è coinvolta anche la scuola secondaria "Pellico" di via Appiani (alle spalle del palaghiaccio), sede di partenza e di arrivo per la camminata.
Due le possibilità proposte: oltre al tradizionale percorso non competitivo di 6 chilometri c’è infatti anche la novità della prova agonistica che si svilupperà sulla doppia distanza, 12 chilometri e due giri del tracciato. L’evento ha preso il via oggi con la presentazione a Palazzo Estense cui hanno partecipato gli assessori comunali Maria Ida Piazza e Stefano Clerici e quello provinciale Giuseppe De Bernardi Martignoni. A raccontare l’organizzazione e le finalità di Vivicittà è invece intervenuta Alessandra Pessina, responsabile progetti e iniziative della Uisp che ha ricordato come «questa camminata serva a riappropriarsi del territorio in cui viviamo oltre che a passare una mattinata di sport, con un occhio di riguardo anche ad altre tematiche come l’ecosostenibilità e il supporto ad attività solidali». Non a caso tutti gli iscritti riceveranno una borraccia in materiale riciclato da riempire con acqua del rubinetto perfettamente bevibile e, su richiesta, anche frizzante; la quota di iscrizione (3 euro per la non competitiva, 10 per la competitiva) servirà invece sia a finanziare alcuni progetti Uisp nelle scuole varesine, sia a sostenere progetti della Ong legata a Uisp (Peace Games) con particolare attenzione al Libano.
Uno degli aspetti più belli di Vivicittà è anche quello della contemporaneità con cui si svolge: «Il via nazionale sarà dato durante il GR1 della Rai alle 10,30 – prosegue Pessina – in tutte le 38 città italiane in cui si corre, in modo da formare una sorta di "corsa più grande del mondo" che coinvolge decine di migliaia di persone. E per sottolineare la vicinanza con alcune realtà particolari, la "corsapertutti" (come viene soprannominata la manifestazione) sarà effettuata anche in 17 strutture carcerarie». Anche, per la nostra provincia, a Busto Arsizio seppur non in contemporanea con l’evento nazionale, bensì nei prossimi mesi.
Per iscriversi alla gara agonistica bisogna essere tesserati o per Uisp, o per Fidal o presentare un certificato medico agonistico e aderire tramite il sito www.otc-srl.it entro domani, venerdì 13. La non competitiva aperta a tutti invece consente di iscriversi fino a un quarto d’ora prima della partenza, anche se è preferibile contattare in anticipo le sedi Uisp. Sono previsti riconoscimenti per tutti i partecipanti, premi in natura per i vincitori nelle diverse categorie dell’agonistica e premi per scuole, classi e gruppi più numerosi nella non competitiva.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.