#bannedwords: la rete prende in giro i divieti americani

All'inseguimento del "politically correct" più spinto, le scuole di New York hanno infatti bandito 50 parole "vietate ai minori": e la rete reagisce segnalando le proprie "parole proibite"

Parole proibiteL’argomento più dibattuto su twitter in questo inizio di giornata del 3 aprile - #bannedwords, "parole proibite" – prende in giro i divieti della scuola americana.

All’inseguimento del "politically correct" più spinto, le scuole di New York hanno infatti bandito 50 parole "vietate ai minori": Decine di vocaboli proibiti nei test scolastici dal dipartimento dell’Istruzione dello Stato di New York per non ‘offendere’ determinati settori della società.
Con risultati paradossali: come la proibizione di usare la parola "dinosauro" per non far arrabiare i creazionisti, o la parola "compleanno" perchè i testimoni di Geova non lo festeggiano. E’ vietata anche la parola "povertà" perchè intristisce i figli di disoccupati, e la parola "divorzio" per non mandare in crisi i figli di separati. 

Una lista che ha del paradossale e che ha subito scatenato i commenti della rete, alla ricerca delle "parole da cancellare" preferite. Un gioco che stanno facendo in tanti (vi proponiamo qui sotto i "suggerimenti" di Twitter) e che, se volete, possiamo fare anche noi, segnalando le nostre "banned words": per questo vi apriamo i commenti a questo articolo. 



di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.