Caroli al Maga, si pensa ad un cambio di Statuto

Lo storico dell'arte oggi è Presidente ma la sua funzione potrebbe cambiare in futuro. Intanto il PdL attacca: "Non si fa mai vedere"

Un cambio di Statuto per modificare le funzioni del "Comitato tecnico-scientifico": si parla del Maga e ci sta lavorando l’amministrazione comunale, che è maggior finanziatore (per non dire l’unico) del museo. Oggi il comitato è presieduto dal sindaco di Gallarate, una scelta che non è del tutto condivisa dall’amministrazione, un po’ perché dovrebbe essere l’organo più scientifico e meno "politico" della Fondazione, un po’ perché c’è una questione da affrontare: il ruolo dell’attuale presidente Flavio Caroli. «Caroli ci ha subito fatto presente che è uno storico dell’arte e che aveva bisogno di qualcuno che si occupasse di amministrazione» ha spiegato subito il sindaco Edoardo Guenzani, che ha confermato l’idea che Caroli possa passare alla direzione artistica affiancando Emma Zanella, direttore della Fondazione. «Caroli ha anche dato la sua disponibilità a lasciare ad altri il ruolo di presidente».

Nel frattempo, le opposizioni hanno criticato l’assenza di Caroli nei momenti di scelte fatte dall’amministrazione e dal museo: «Aveva detto che non si voleva occupare dei Cda, alla fine non si è occupato neanche del Premio Città di Gallarate» ha attaccato con forza Paolo Caravati (PdL), che non ha detto anche di non capire quale ruolo debba avere il presidente. «Se ci sono modifiche da fare, le si faccia» ha invece detto il leghista Matteo Ciampoli. «L’importante è che venga a spiegarle il presidente, vorremmo sentirle dalla sue voce».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.