Cresce il “Comitato del Seprio”

Il consiglio comunale approva l’accordo di programma per la creazione di un’assemblea dei sindaci del territorio. Primi firmatari anche Venegono Inferiore e Vedano Olona

Venegono Superiore sarà uno dei 13 comuni del “Comitato del Seprio”. Questo l’esito del Consiglio Comunale di giovedì scorso che ha visto l’approvazione di un accordo di programma per dar vita a una nuova assemblea che riunisce i sindaci di quello che un tempo era il contado del Seprio: un territorio che si estendeva dal fiume Ticino alla Val d’Intelvi e dal contado di Burgaria (l’odierno Alto Milanese) fino al Sotto Ceneri, nell’attuale Canton Ticino.

«Lo scopo è creare un dialogo e instaurare una collaborazione tra comuni che condividono determinate caratteristiche storico-culturali e hanno simili problematiche di gestione», spiega Francesca Bianza, sindaco di Venegono Superiore. Se oggi si sta lavorando sulla creazione di un calendario congiunto per coordinare gli eventi e le attività culturali estive «la novità sta nell’ipotesi di predisporre una gestione in forma associata dei servizi comunali».

 

L’idea che entusiasma il sindaco è però contestata da “Ripensiamo Venegono” che ritiene questa proposta «una replica a ciò che già esiste a livello provinciale, oltre che un’idea troppo vaga che costa ai cittadini».

Alla posizione dei consiglieri di opposizione, la Brianza si oppone spiegando che «si tratta di una proposta che può avere solo aspetti positivi, come per esempio la possibilità di presentare domande aggregate per la presentazione di un bando e che ha un costo totale irrisorio: 700 euro totali, 10 centesimi per ogni abitante».

Oltre a Venegono Superiore e al comune capofila, Castiglione Olona, tra i 13 comuni del Seprio hanno aderito finora anche Vedano Olona e Venegono Inferiore.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.