Dal primo maggio piatti e bicchieri di plastica vanno nella plastica. Ma le posate no

In forza di un accordo tra Anci e Conai, dall'inizio del prossimo mese piatti e bicchieri di plastica potranno essere messi nel sacco della plastica. ma l'accordo non è stato raggiunto per tutto

Sembra una non notizia, ma per chi è ligio da tempo alla raccolta differenza è invece una segnalazione importante che avrà valore a partirte dal primo maggio: la stoviglieria di plastica che fino ad ora doveva essere inserita nel sacco viola, cioè nell’indifferenziata, ora dovrà essere messa nel sacco giallo. 

In forza di un accordo tra Anci e Conai, il COnsorzio NAzionale Imballaggi, costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi "per perseguire gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio", infatti dal primo maggio i piatti e bicchieri di plastica potranno essere messi nel sacco della plastica.

Quella dell’impossibilità di mettere nel sacco giallo piatti e bicchieri di plastica è sempre stato un fatto difficile da recepire: sembrava infatti un controsenso non mettere "nella plastica" i "piatti di plastica". Il motivo era dato dal fatto che, non essendo imballaggi, non facevano parte del consorzio Conai il consorzio per gli imballaggi che procede alla raccolta differenziata.

Ora questa incongruenza è risolta, ma non del tutto però: da questo accordo, infatti, sono rimaste fuori ancora le posate di plastica, che quindi dovranno ancora essere gettate nell’indifferenziato. Non lamentatevi di questa bizzarrìa con le vostre aziende di servizi: è inutile. Si tratta di un problema che è al di sopra di loro. Piuttosto rallegratevi del primo passo falso, a cui siamo certi vi adeguerete con molta naturalezza: in fondo, era uno dei più antipatici controsensi della raccolta differenziata quello che riguardava piatti e bicchieri di plastica.
Per festeggiare, quasi quasi ci meritiamo un picnic: ricordatevi di portare il sacco giallo. 

Tutti gli articoli sulla raccolta differenziata

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.