Elezioni 2011, il Consiglio di Stato dichiara ammissibile il ricorso di Unione Italiana

Dovrà essere il giudice di primo grado a riconvocare le parti per decidere se la mancanza di 5 nomi di candidati consiglieri del partito abbia, di fatto, pregiudicato l'elezione

Sarà il giudice di primo grado a decidere se annullare oppure no i risultati delle elezioni dei consiglieri comunali del Comune di Busto Arsizio in seguito all’esposto presentato da Unione Italiana al Consiglio di Stato. Il partito aveva presentato ricorso nell’ottobre del 2011 a causa della mancanmza di 5 nominativi di candidati nei tabelloni elettorali presenti nelle sezioni di Busto Arsizio. I giudici, che in primo grado avevano respinto il ricorso, hanno dichiarato ammissibile il ricorso in secondo grado e hanno rimesso la causa al primo giudice per l’ulteriore corso. Secondo i magistrati, infatti, è necessario integrare il contraddittorio con l’evocazione in  giudizio delle parti davanti al giudice di primo grado per appurare la sussistenza della violazione contestata e i punti controversi dati dalla completezza e tempestività della correzione dell’errore sui tabelloni elettorali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.