Emergenza credito, Univa apre uno sportello gratuito per le imprese

Il servizio aiuterà le aziende che vogliono beneficiare dei vantaggi previsti dalla nuova "moratoria", l'accordo siglato a livello nazionale tra Confindustria, Abi e altre associazioni di categoria

Si apre un nuovo spiraglio nel sempre più difficile rapporto tra imprese del territorio e sistema bancario. L’Unione degli Industriali di Varese ha ufficializzato questa mattina l’apertura dello "Sportello Moratoria", un servizio innovativo dedicato alle imprese associate. Lo sportello (attivo in ogni sede della provincia di Varese) offrirà alle aziende una consulenza gratuita per poter beneficiare a pieno dei vantaggi derivati dalla cosidetta "moratoria sul credito", l’accordo siglato lo scorso 28 febbraio a livello nazionale tra Confindustria, altre associazioni datoriali e l’Abi (Associazione bancaria italiana). L’intesa è stata stipulata in un momento segnato come non mai dal "credit crunch", ossia la stretta criditizia applicata all’economia reale dagli istituti di credito e prevede in concreto diverse opportunità per le piccole e medie imprese italiane: la sospensione per dodici mesi delle rate di rimborso della quota capitale dei finanziamenti concessi dalle banche a medio o lungo termine, l’allungamento del periodo di rientro dal finanziamento con lo slittamento del 100 per cento della durata residua oppure ancora la possibilità, per le società di capitali, di ottenere finanziamenti per il rafforzamento patrimoniale.

«Lo sportello vuole essere il ponte concreto tra questi vantaggi e le nostre aziende – ha spiegato il presidente di Univa, Giovanni Brugnoli -. È inutile fare tanti giri di parole, siamo di fronte ad una situazione di credit crunch che immobilizza il sistema produttivo, comprese le sue aziende più perforanti, sia nella continuità aziendale, sia nella capacità di mettere in campo progetti di sviluppo e investimenti per modernizzare il proprio business, i propri prodotti, la propria organizzazione».

Assistenza dall’avvio alla conclusione della pratica – Le imprese interessate alla moratoria riceverano una consulenza operativa gratuita che le accompagnerà in tutte le fasi: dalla valutazione delle caratteristiche necessarie, fino al disbrigo di tutti i passaggi pratici. Ciò grazie alla collaborazione stretta tra l’Unione Industriali, la sua società di servizi alle imprese Spi Srl e la FIM Credit Spa, partner del progetto, che mette a disposizione la propria esperienza e il proprio organico. Lo sportello garantirà in primo luogo l’analisi della situazione debitoria e la valutazione della possibilità di utilizzare l’Accordo Confindustria-Abi. Una valutazione che verrà effettuata, nel giro di 48 ore, su ogni singolo finanziamento o linea di credito che l’azienda dovesse avere con una qualsiasi banca che ha aderito all’intesa. Per quelli che dovessero avere le caratteristiche necessarie per l’accesso ai benefici lo Sportello predisporrà, insieme all’impresa, la documentazione necessaria per avanzare la richiesta alla banca. Con la garanzia, inoltre, per l’azienda, di essere seguita anche nello stato di avanzamento della pratica.

Orari e contatti – A partire da martedì 24 aprile lo "Sportello Moratoria" sarà attivato in tutte e quattro le sedi che l’Unione Industriali ha sul territorio: Varese, Gallarate, Busto Arsizio, Saronno. In ognuna di queste sedi lo sportello sarà aperto una mattina a settimana, con la presenza di un team di operatori. Da un punto di vista prettamente organizzativo le imprese che vogliono rivolgersi allo sportello non devono fare altro che richiedere un appuntamento alla segreteria dell’Aree Economiche dell’Unione Industriali. A cui possono rivolgersi sia telefonicamente (0332.251.000, intt. 262/269), sia via email: economico@univa.va.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.