Fondi neri, la Fondazione Maugeri sotto accusa

L’istituto sanitario lombardo, che ha una clinica anche a Tradate, finisce nel mirino della procura di Milano, arrestate 5 persone. Alfieri: “È in atto un aggressione al patromonio sanitario lombardo”

La Fondazione Maugeri finisce nelle indagini della magistratura. La struttura sanitaria ha cliniche in tutta la Lombardia, con base a Pavia e una struttura anche anche a Tradate. Secondo quanto riportato dal Corriere della sera, nell’inchiesta della Procura di Milano, che è partita da quella del San Raffaele, sono oggi finite diverse persone tra cui l’ex assessore regionale Antonio Simone, che è stato arrestato insieme ad altre quattro persone.
Indagato anche il patron della Fondazione, Umberto Maugeri: formalmente irreperibile, si trova probabilmente all’estero. A tutti gli arrestati è stata contestata l’associazione a delinquere, a Simone anche il riciclaggio. Il tutto per oltre 56 milioni di euro che sarebbero andati in fondi neri. 

Duro il primo commento giunto dal consigliere regionale del Pd, Alessandro Alfieri: «Dalle inchieste della magistratura sembra emergere una vera e propria aggressione al patrimonio sanitario lombardo, sotto lo sguardo perlomeno distratto della Regione. In questo momento ci preme assicurarci che la struttura di Tradate, un presidio di riabilitazione importante per il territorio con i suoi 130 posti letto, non venga travolta dallo scandalo. Ma occorre dire che la sanità regionale è costosa e grava sulle spalle dei cittadini lombardi con ticket, super ticket e addizionali regionali dalle aliquote elevate, e la fondazione Maugeri riceve dalla Regione ogni anno circa 200 milioni di euro come rimborso per le prestazioni sanitarie oltre a 30 milioni per la ricerca. Pensare che contemporaneamente alcuni personaggi siano accusati di drenare milioni di euro dalle sue casse suona come uno schiaffo a tutti i lombardi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.