Francesco Guccini chiederà di stampare i suoi CD all’Ims

Il cantautore accoglie l’appello dei lavoratori per rilanciare l’attività dell’azienda che ha dichiarato fallimento a dicembre. Si attende la conferma anche da altri artisti

Un ritorno alle origini per Francesco Guccini. Il cantautore è il primo artista a raccogliere l’appello fatto dai lavoratori dell’Ims di Caronno Pertusella. I 120 dipendenti, che sono in presidio permanente da sei mesi e dopo la dichiarazione di fallimento di dicembre, hanno avviato con il curatore fallimentare la possibilità di far ripartire la produzione dell’azienda. Tutto sarebbe pronto, ma mancano gli ordinativi e nei giorni scorsi i lavoratori hanno lanciato un appello a tutti gli artisti della casa discografica Emi che una volta stampavano i loro cd nell’azienda di via Bergamo.

TUTTI GLI ARTICOLI SULL’IMS

«È con gioia di tutti i lavoratori e delle lavoratrici, che riceviamo la sottoscrizione dell’appello da parte di Francesco Guccini – commentano i dipendenti per voce di Antonio Ferrari -. Abbiamo risposto con un caloroso abbraccio per la sua pronta sensibilità ai problemi dei lavoratori. Certi di ricevere altre adesioni, continuiamo ad essere determinati e convinti che la IMS “La fabbrica dei sogni” come l’ha definita Vasco Rossi, possa riprendere al più presto la produzione».

L’appello infatti era stato lanciato anche a Vasco Rossi, Dolcenera, Franco Battiato, Tiziano Ferro, i Nomadi fino a Mina e Patty Pravo: «Dopo un lungo lavoro, svolto in questi mesi dal Curatore Fallimentare, dalle Istituzioni e dalle parti sociali – conclude Ferrari -, si è concretizzata la possibilità di riattivare la fabbrica IMS (essendoci società interessate a rilevare), mentre i lavoratori continuano il presidio davanti ai cancelli».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.