Havelkova: “Stasera ci è riuscito proprio tutto”

Il capitano della Yamamay dopo il 3-0 su Villa Cortese: "Ci serviva una partita così". Parisi: "Una grande reazione della squadra". Abbondanza: "Ci hanno preso a pallate"

Bello anche solo rivedere Helena Havelkova in conferenza stampa dopo l’infortunio: è lei a parlare della grande vittoria della Yamamay sulla MC-Carnaghi in gara 3 di finale scudetto. "Ci serviva una partita così, abbiamo stretto i denti e non le abbiamo mai fatte entrare in gara. Certo non ci aspettavamo un 3-0, ci è riuscito proprio tutto. Io potrei stare meglio, stasera non mi sentivo bene e non trovavo la palla in attacco, però ho cercato di dare una mano in ricezione e difesa ed è bastato così: sono felice che il coach mi abbia dato comunque fiducia". E Giulia Pisani aggiunge: "La capacità di reagire ci ha caratterizzato per tutto l’anno, sarebbe stato un peccato non tirarla fuori proprio nel momento più importante. Sono contenta di aver sfruttato l’occasione, ma il merito è della squadra che mi ha dato la tranquillità giusta". Anche Carlo Parisi sottolinea l’aspetto caratteriale: "Dopo una sconfitta in casa era importante ripartire così. Abbiamo avuto grande capacità di reagire e lavorare sulle situazioni che avevamo affrontato male nelle scorse partite. Siamo stati molto più presenti in campo, a muro siamo migliorati, poi naturalmente dipende da tante cose, anche dagli avversari e da un pizzico di fortuna".

Da parte biancoblu Marcello Abbondanza è categorico: "Ci hanno preso a pallate. Abbiamo perso un riferimento importante in attacco e siamo diventati più prevedibili, non abbiamo lavorato bene contro il loro muro come avevamo fatto in gara 1 e gara 2. Per giocare alla pari con loro dobbiamo fare la nostra partita migliore, stasera invece hanno imposto il loro ritmo e noi siamo stati molto brutti anche dal punto di vista emozionale: non abbiamo sfruttato per niente l’onda emotiva della vittoria di lunedì". Federica Stufi difende le sue compagne di squadra: "Il cuore ce l’abbiamo messo anche stavolta, da questo punto di vista non si può dire niente. Anche quando eravamo sotto c’era la voglia di reagire. Ogni partita è una questione di nervi, di coraggio e anche di fortuna: oggi loro hanno battuto bene e hanno avuto una grande organizzazione a muro e in difesa, ci hanno tolto tutte le certezze e ci siamo irrigidite". Ultimo commento per Caterina Bosetti: "Non siamo proprio scese in campo, abbiamo fatto tutto male e non poteva andare diversamente. Il muro? Siamo state noi a farci murare, avremmo dovuto giocare alto come nelle altre due partite".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.