Huawei Honour, occhio ai cinesi!

di Luca Viscardi, direttore di Radio Number One

La geografia economica mondiale sta cambiando a rapidi passi, era inevitabile che questo cambiamento si riflettesse anche sulla mappa della produzione di tecnologia, con alcuni assetti ormai consolidati che stanno velocemente trasformandosi.

In questo contesto, stanno affacciandosi sulla scena nuovi protagonisti, con marchi che fino ad oggi non avevamo mai visto: tra questi anche Huawei, marchio cinese fino a ieri conosciuto soprattutto per la produzione di chiavette USB. In effetti, il gigante orientale è il secondo produttore mondiale di tecnologia per le reti mobili dopo Ericsson, lavora con 31 dei 50 principali operatori di telecomunicazioni nel mondo, detiene il record di brevetti depositati nel campo tecnologico, 1510 solo nel 2010.

Con una struttura del genere alle spalle era inevitabile che prima o poi si affacciasse alla produzione di telefonini con il proprio marchio, cosa che in passato aveva fatto “conto terzi” in particolare per Vodafone e per l’inglese O2. Avevo di recente segnalato come uno dei prodotti migliori presentati al recente congresso mondiale sulla telefonia mobile fosse proprio di Huawei, ovvero il modello Ascend.

Oggi vi segnalo invece un prodotto che è già sul mercato, quello chiamato “honour”, in vendita al prezzo di 299 euro. Tra gli smartphones in circolazione è uno di quelli con il miglior rapporto qualità prezzo. Dal punto di vista prettamente estetico, l’Honour potrebbe ricordare il primo samsung galaxy S, con una linea quindi un po’ datata, ma dentro ha delle caratteristiche davvero importanti, a partire dallo schermo a 4 pollici da 16 milioni di colori. Ha un processore da 1.4 ghz, accompagnato ad una batteria da 1900 mAh, quindi con un’autonomia che dovrebbe essere più che buona. Uso il condizionale, perchè come sempre ci sono mille fattori da considerare, difficile dare un giudizio assoluto, ma 1900 mAh sono un’ottima base di partenza; pensate ad esempio che il blackberry 9360 (che costa 349 euro) ha una batteria da 1000 mAh, praticamente la metà.

Questo dispositivo ha a bordo Android, il sistema operativo di Google, nella sua versione chiamata Gingerbread, ancora non si sa se verrà aggiornato alla nuova versione Ice Cream Sandwich. La memoria è di circa 4 gigabite, una esagerazione pensando ai telefoni del passato, ma poca roba rispetto ai prodotti contemporanei. Però c’è anche uno slot per una scheda micro Sd, potrete quindi espandere la vostra capacità di immagazzinare musica, foto e video fino a 32 giga.

La fotocamera è da 8 megapixel, con una buona capacità risoluzione; c’è anche una fotocamera frontale per le videochiamate da 2 megapixel. Questo telefono supporta quindi anche le funzioni di videochiamata.

Ovviamente, tra le varie cose, sa anche telefonare, che non guasta mai. La notevole conoscenza del mondo delle reti telefoniche suggerisce che la ricezione del telefono sia buona, anche se una prova sul campo sarebbe la cosa migliore. io ho avuto troppo poco tempo per i test per poter dire qualche cosa di veramente attendibile.

Però posso senz’altro dirvi che questo è un telefono di cui l’acquirente non si pentirà, pur non essendo uno dei mostri dell’ultima generazione. Ha passato la prova mr gadget.

Leggi le altre recensioni di Mr Gadget

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.