I gattopardi in salsa padana

I servizi segreti, il complotto, e poi Maroni che non sapeva niente. Per Rocco Cordi di Sel la vicenda leghista è una autorappresentazione che non convince

Ieri sera a Bergamo è andato in scena l’orgoglio di un “popolo” convinto di poter esibire
una diversità etica, oltre che etnica, rispetto agli altri partiti e di essere portatore di un
progetto reale di cambiamento.
Questa “autorappresentazione” per essere convincente ha bisogno però di ricorrere ad
un trucco vecchio come il mondo: manipolare i fatti fino alla loro rimozione.
Ecco allora il gioco delle parti.
Bossi esternalizza le vicende truffaldine evocando la mano dei “servizi”, Maroni
invece “internalizza” riducendo il tutto ad una banale questione di “mele marce”.

Se fosse vera la prima ipotesi le dimissioni dei Bossi e degli altri famigli (con l’eccezione,
ovviamente, di Belsito) sarebbero assolutamente ingiustificate. Se invece fosse vera la
seconda, Maroni dovrebbe spiegare come hanno fatto a prosperare simili sanguisughe
nel cuore stesso della Lega, in casa e nell’entourage del capo, padre e padrone, e
all’insaputa del suo gruppo dirigente.
Se Maroni vuole essere credibile dovrebbe provare a dare qualche spiegazione un po’
ampia dello schema bergamasco un po’ troppo compresso tra servizi e pulizia.

Ma spiegazioni e risposte convincenti non verranno né dalla Lega né, per le vicende che
li riguardano, dagli altri partiti, almeno fino a quando resteranno prigionieri di idee e
pratiche improntate alla salvezza di se stessi.
Se si vuole affrontare seriamente la “questione morale” che sta devastando i partiti
(tutti i partiti) e mina alle fondamenta le basi stesse della democrazia, bisogna ripartire
da una constatazione solo apparentemente semplice: da troppo tempo viviamo dentro
una sorta di tangentopoli infinita non dovuta soltanto all’esistenza di mele marce, ma
strettamente connessa alla degenerazione dell’idea stessa di politica e al formarsi di un
sistema di potere funzionale alla logica affaristica.
E’ ormai evidente il prevalere (ad ogni livello) di una idea distorta della politica.
Una politica tutta piegata nella conquista e nella gestione del potere e prevalentemente
orientata sugli affari e le dinamiche che favoriscono e moltiplicano il formarsi di centri di
potere opachi, “cricche” spregiudicate e relazioni pericolose.
Per contrastare questo processo di svuotamento della politica e delle istituzioni
democratiche vanno messi in discussione e decisamente contrastati metodi, pratiche e
finalità dell’ agire politico odierno.
Un discorso valido da tempo, ma sacrificato anche
dalla Lega per ragioni di convenienza e calcoli non sempre confessabili.
Qui sta il punto. Le altre soluzioni a base di scope, cappi, pulizie purificatrici e slogan
logori da tempo (e non mi riferisco solo alle Lega) lasciano il tempo che trovano.

Possono promuovere nuovi gattopardi in salsa padana o sicula poco importa, ma non ci
aiutano minimante ad affrontare la realtà con il dovuto coraggio.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.