Il “Barilà” riporta Veljko Mrsic a Varese

L'ex campione dei Roosters è ora coach di Zagabria, una delle 24 squadre che daranno vita al torneo pasquale per under 17. Gran finale tra canestri e spettacolo a Pasquetta al PalaWhirlpool

L’ottava edizione del "Memorial Barilà", uno dei due grandi tornei (con il "Garbosi") di basket giovanile che riempiono le palestre del Varesotto nel periodo pasquale, ha preso il via oggi a Villa Recalcati, sede della Provincia ma anche della presentazione della manifestazione riservata agli under 17.
Un incontro che è servito anche ad annunciare una gradita presenza a Varese e dintorni di un personaggio che ha contribuito a fare la storia dei canestri da queste parti: l’allenatore dei giovani del Cedevita Zagabria è infatti Veljko Mrsic al cui nome è legata la straordinaria cavalcata dei Roosters tricolori del 1999 (foto in basso) oltre che (c’è pure l’altro lato della medaglia) alla brutta stagione che ha visto la Cimberio retrocedere in LegaDue nel 2008. Ovvio però che di Veljko si ricordi soprattutto l’impresa tricolore e chissà che dalla panchina del team croato non possa tornare a festeggiare in quel PalaWhirlpool che lo vide protagonista: il Cedevita è infatti una delle formazioni più accreditate tra le 24 concorrenti del "Barilà", unica rappresentante slava e finalista lo scorso anno quando vinse la Virtus Siena.

Oltre ai dalmati però, i riflettori si accenderanno su alcune delle migliori scuole del basket mondiale: ci sono gli americani del Team Ohio (che nel 2000 schierarono qui un tale LeBron James) e gli spagnoli dell’Alcala, alcune interessanti presenze europee (l’Uppsala svedese, la nazionale britannica, gli olandesi dell’Eiffel Tower) e molte squadre italiane di rango. A tirare il gruppo l’Umana Venezia insieme al Montepaschi e, tra le altre, una pattuglia di lombarde (comprese Pallacanestro e Robur Varese) che vogliono tenere alto il nome del basket tricolore.
A livello di sedi di gara, i gironi e le fasi di spareggio occuperanno sei palazzetti con la novità di Como dove giocheranno proprio i ragazzi di Mrsic con i lariani, Cantù e la Rimadesio. Le altre squadre si divideranno tra Arcisate (Venezia, Alcala, Sel. Lombardia, Valceresio), Induno Olona (Torino, Brindisi, Cimberio, Bergamo), Clivio (Uppsala, Scafati, Malaspina, Robur), Castellanza (Inghilterra, Eiffel T., Cislago, Casalpusterlengo) e Malnate (Ohio, Siena, Venegono, Malnate).

Le gare dei gironi andranno in scena giovedì sera e venerdì (mattina e sera); da sabato il tabellone a eliminazione diretta, semifinali a Pasqua e come già detto il gran finale a Masnago nel Lunedì dell’Angelo con le partite per il terzo (19,30) e il primo posto (21) inframezzata dalla gara delle schiacciate e dallo show a sfondo cestistico dei DaMove, una sorta di globetrotter italiani. Il programma completo è comunque a disposizione sul sito ufficiale, www.memorialbarila.it.
A "battezzare" l’ottava edizione (ma il torneo varesino si gioca fin dal 1990 quando cominciò l’epopea del "Sergio Rizzi") sono intervenuti in molti: dagli organizzatori della Asd Graziano Barilà (il presidente Odoni, il direttore Livio, il signor Gregorio Barilà) ai dirigenti di Coni e Federbasket (Giani, Sacchi, Salvetti) sino ai politici delle realtà interessate, agli sponsor e ai rappresentanti di alcune società coinvolte. Un gruppo folto che dimostra come l’intero territorio e tutte le sue componenti tengano molto a una tradizione che porta nel Varesotto i campioni di domani e che soprattutto regalano l’ennesimo evento capace di coinvolgere giovani e meno giovani. «Finché vediamo entusiasmo andiamo avanti» ha assicurato il vulcanico Giuseppe Livio: speriamo dunque che lui e i suoi collabori abbiano tanto lavoro da fare ancora per molti anni.

Facebook – Diventa amico di Sport VareseNews

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.