Il prefetto Zanzi si racconta agli studenti dell’Insubria

L'iniziativa si è svolta mercoledì 18 aprile al Collegio De Filippi. Il prossimo appuntamento sarà con il direttore dell’Azienda Ospedaliera Walter Bergamaschi

Si è svolta mercoledì 18 aprile al De Filippi la cena che ha messo a confronto settanta studenti dell’Ateneo varesino e il Prefetto Giorgio Zanzi.
Le domande dei Rappresentanti degli Studenti Giuseppe D’Aquaro e Patrick Tayoun, hanno consentito di approfondire il percorso professionale del Prefetto varesino soddisfacendo i molti studenti di Giurisprudenza presenti, ma non hanno perso l’occasione per aprire anche una finestra sulla vita privata del personaggio ospite ieri sera di Varese Studenti. Prefetto dal 2009, Giorgio Zanzi è stato dal 1978 impegnato professionalmente presso la Procura di Varese in un primo momento, la Prefettura stessa con incarichi di Capo di Gabinetto e Vice Prefetto Vicario e la Provincia di Varese con il ruolo di Segretario Generale. Ricostruendo questa affascinante carriera si sono potuti approfondire diversi contesti storici che hanno interessato il nostro territorio negli ultimi trent’anni, quali gli anni del terrorismo, i grandi flussi migratori interni, l’attuale crisi delle imprese locali e l’integrazione della numerosa popolazione proveniente da diverse zone del mondo. Grande attualità anche nell’analisi del rapporto tra enti locali e Governo nazionale incentivata dal Rappresentante D’Aquaro che è anche Assessore presso il Comune di Casale Litta.

La serata si è chiusa con il racconto del Prefetto Giorgio Zanzi dei suoi hobbies, dalla Pallacanestro Varese e la Juventus, fino alla passione per l’attenta osservazione della natura che ci circonda.
La prossima serata organizzata da Varese Studenti con il contributo della Commissione per le attività culturali e ricreative dell’Insubria, vedrà ospite, il 17 maggio, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera varesina Walter Bergamaschi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.