Inaugurato il servizio di bike sharing

Primo colpo di pedale col sindaco e Faustino Coppi per il servizio. Sette le stazioni attivate per 50 biciclette a disposizione dei cittadini che potranno utilizzarle con la Carta regionale dei servizi

E’ disponibile da oggi (sabato) il nuovo servizio di bike sharing di Busto Arsizio. L’inaugurazione con il primo colpo di pedale da parte del sindaco Gigi Farioli, accompagnato da Faustino Coppi (figlio del mitico campione Fausto) che è anche presidente del comitato di tappa del Giro d’Italia a Busto Arsizio e dall’assessore Luciano Lista. A realizzare le stazioni di prelevamento e parcheggio (per il momento sono 7 con 50 bici a disposizione) è stata la società Bicincittà di Torino che permette di offrire ai cittadini biciclette pubbliche con cui spostarsi in città.

L’azienda è leader in Italia per il bike sharing, iniziando la sua attività nel 2004 con il servizio nella città di Cuneo. In pochi anni ha attivato il bike sharing in oltre 70 città italiane, tra le quali è possibile annoverare grandi realtà come Torino, Brescia, Parma, Padova e altre realtà in Svizzera e Spagna. 
Grazie alla Carta Regionale dei Servizi, primo esempio in Lombardia, sarà possibile attivare il servizio alla piscina Manara e da lunedì all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dei Molini Marzoli. 

I primi sette punti per l’avvio del servizio sono: piazzale Rosselli (nei pressi della piscina Manara), la stazione Nord di Busto, la stazione centrale delle Ferrovie dello Stato, piazza Santa Maria, piazza San Michele, via Fratelli d’Italia (Municipio), ospedale (nei pressi di piazzale Solaro). In tutto il servizio fornirà 65 stalli singoli per le bici, 7 pannelli informativi (uno per ogni stazione)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.